Supercar

McLaren P1: la favolosa Hypercar Ibrida compie 10 anni

PREZZI MIGLIORI GOMME INVERNALI TEST TCS 2023

MODELLO

VALUTAZIONE TCS

PREZZO

CONTINENTAL WINTERCONTACT TS870MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

CONTINENTAL WINTERCONTACT TS 870 PMOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

MICHELIN ALPIN 6MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

DUNLOP WINTER SPORT 5MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

GOODYEAR ULTRAGRIP PERFORMANCE +MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

GOODYEAR ULTRAGRIP 9+MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

FIRESTONE WINTERHAWK 4MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

BRIDGESTONE BLIZZAK LM 005MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

KUMHO WINTERCRAFT WP52CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

PIRELLI CINTURATO WINTER 2CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

YOKOHAMA BLUEARTH-WINTER V906CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

HANKOOK WINTER I*CEPT RS3CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

NOKIAN WR SNOWPROOFCONSIGLIATO

Mostra Prezzo

VREDESTEIN WINTRAC PROCONSIGLIATO

Mostra Prezzo


McLaren P1. McLaren celebra questa settimana il decimo anniversario dalla presentazione della versione di serie della McLaren P1. Svelata al Salone di Ginevra nel 2013, questa straordinaria hypercar è riconosciuta come un punto di riferimento sia per McLaren che per lo sviluppo di veicoli ibridi ad alte prestazioni, proposti più di recente dalla McLaren Artura.

Creata con l’intenzione di essere “la migliore auto al mondo sia su strada che su pista”, il design e le specifiche tecniche della McLaren P1 hanno fornito la base ideale per realizzare questo. Una serie di risultati di test e sviluppo nel corso del 2013, tra cui il giro del famoso Nürburgring Nordschleife, ha immediatamente confermato quelle che volevano essere le credenziali della vettura.

Il design e le specifiche tecniche della McLaren P1 sono stati sviluppati con l’obiettivo di diventare la migliore auto al mondo: motore elettrico da 179 CV, per un totale di 916 CV, da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi, da 0 a 200 km/h in 6,8 secondi e da 0 a 300 km/h in 2,8 secondi

McLaren P1

McLaren P1

Il propulsore V8 M838TQ da 3,8 litri con doppia sovralimentazione, capace di generare 737 CV, è abbinato a un leggero motore elettrico da 179 CV, per un totale di 916 CV. Questo ha permesso di raggiungere livelli di prestazioni che erano, e sono tuttora, sorprendenti: accelerazione da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi, da 0 a 200 km/h in 6,8 secondi e da 0 a 300 km/h in 16,5 secondi, ben 5 secondi più veloce della leggendaria McLaren F1.

La velocità massima di 350 km/h non può che aumentare il fascino e la fama della McLaren P1, ma sono state la risposta istantanea dell’acceleratore e l’iniezione di coppia a dimostrare che l’elettrificazione può davvero migliorare i moderni propulsori turbo.

Oltre che all’innovativo propulsore ibrido, benzina-elettrico, questa Ultimate hypercar veste alla base due punti di forza distintivi di McLaren: il peso ridotto e l’eccellenza aerodinamica.

La monoscocca in fibra di carbonio MonoCage con tetto al centro della McLaren P1 è un’evoluzione della struttura MonoCell utilizzata nella supercar McLaren 12C ed è stata la chiave per ottimizzare la massa in un veicolo con un peso minimo a secco di soli 1.395 kg. Mentre il peso DIN (in ordine di marcia) è di 1.490 kg.

Per McLaren la leggerezza rimane una priorità nelle fasi di ricerca e sviluppo e nel 2023 la Artura, vettura anch’essa ibrida ad alte prestazioni, piuttosto che un’hypercar estrema in edizione limitata è una supercar prodotta in serie e generosamente equipaggiata, ha un peso DIN (in ordine di marcia) di soli 1.498 kg.

McLaren P1: la favolosa Hypercar Ibrida compie 10 anni 1

Carbonio e Riduzione dei pesi

I pannelli della carrozzeria in fibra di carbonio della McLaren P1 sono costituiti da un grande guscio, da pannelli anteriori e posteriori in singolo stampo e collegati alla MonoCage centrale, da due piccoli sportelli di accesso nella parte posteriore, dal cofano anteriore e dalle due porte. Con un peso complessivo di soli 90 kg, i pannelli sono straordinariamente sottili ma anche molto resistenti.

La batteria ibrida viene montata in basso all’interno della MonoCage in fibra di carbonio e pesa solo 96 kg. Questa filosofia di minimizzazione del peso è evidente anche oggi, con una maniacale attenzione applicata anche all’Artura.

Nel concetto di riduzione dei pesi nella McLaren P1 non era previsto l’uso della moquette, ritenuto superficiale, quanto i pannelli fonoassorbenti, per contenere il peso.

Sempre nel concetto di riduzione dei pesi sono stati riprogettati anche i vetri: il vetro del tetto temprato chimicamente è estremamente leggero e ha uno spessore di soli 2,4 mm. Il parabrezza ha uno spessore di soli 3,2 mm, compreso un intercalare in materiale plastico, risparmiando all’epoca 3,5 kg rispetto al parabrezza 4,2 mm di spessore della 12C.

L’ampia ala posteriore della McLaren P1 ottimizza l’aerodinamica regolandosi automaticamente. Può estendersi nella parte posteriore fino a 300 mm su pista e 120 mm su strada. Questa ala è stata sviluppata utilizzando lo stesso software e la stessa metodologia adottata del team McLaren di Formula 1. Un DRS (Drag Reduction System) è stato integrato nel design della McLaren P1 per ridurre la deportanza e aumentare la velocità in rettilineo, ottenuta attraverso il movimento dell’ala posteriore, piuttosto che utilizzando un flap amovibile.

Una combinazione di modellazione aerodinamica CFD (fluidodinamica computazionale) e molte ore passate nella galleria del vento a concentrarsi sulle prestazioni aerodinamiche, ha permesso di ottenere una deportanza di 600 kg a una velocità ben inferiore a quella massima.

McLaren P1

McLaren P1 prestazioni

Accelerazione da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi, da 0 a 200 km/h in 6,8 secondi e da 0 a 300 km/h in 16,5 secondi, ben cinque secondi più veloce della leggendaria McLaren F1. La velocità massima di 350 km/h.

Fin dal momento della sua presentazione, la McLaren P1 è stata oggetto delle più alte attenzioni di collezionisti ed appassionati ed è andata esaurita a pochi mesi dal lancio e già a novembre tutte le 375 vetture erano state assegnate. La costruzione del  primo dei 375 modelli di produzione auto della McLaren P1, con verniciatura Ice Silver, è terminata nel settembre 2013, quando la vettura si era ormai affermata come un riferimento assoluto per le sue prestazioni.

L’ultima vettura ordinata è stata completata nel dicembre 2015; è stata verniciata in uno splendido arancione perlato, un colore ottenuto grazie a un esclusivo processo di colorazione che è diventato poi disponibile in altri modelli McLaren con il nome di Volcano Orange.

Dieci anni dopo la sua presentazione al Salone di Ginevra – e nell’anno in cui la McLaren celebra anche il suo 60° anniversario dalla fondazione dell’azienda da parte di Bruce McLaren – la McLaren P1 rimane una vettura straordinariamente entusiasmante sia su strada che su pista.

L’importante eredità della McLaren P1 si estende oltre il suo status iconico nel lignaggio McLaren di auto tecnologicamente avanzate e incentrate sul guidatore. In qualità di precursore dell’elettrificazione come miglioramento dell’impegno alla guida, è stata la vettura che ha cambiato la percezione della tecnologia, ispirando l’innovativa Artura; una supercar che combina prestazioni entusiasmanti e dinamiche di guida con prestazioni anche in sola modalità EV: una combinazione vincente introdotta per la prima volta dalla McLaren McLaren P1.

McLaren P1

McLaren P1: le 10 caratteristiche

  • La McLaren P1 passa da 0 a 300 km/h in 16,5 secondi: ben 5,5 secondi più veloce della leggendaria McLaren F1
  • La McLaren P1 può muoversi per pochi chilometri in modalità completamente elettrica a emissioni zero per la guida in città
  • In modalità Race, la McLaren P1 si abbassa di 50 mm e la molla si irrigidisce del 300 per cento, consentendo all’auto di percorrere curve a sopra i 2g
  • L’ala posteriore regolabile della McLaren P1 si estende dalla carrozzeria fino a 120 mm su strada e fino a 300 mm su pista
  • I dischi carboceramici rivestiti in carburo di silicio consentono alla McLaren P1 il completo arresto da 100 km/h in soli 30,2 metri
  • Lo scarico Inconel in stile Formula 1 segue il percorso più diretto dal motore alla parte posteriore della McLaren P1 ed ha un peso di soli 17 kg
  • Il diametro del volante di una McLaren P1 è tecnicamente preciso come un volante utilizzato dai piloti della McLaren: le manopole dei campioni del mondo di Formula 1 della McLaren sono state modellate su un sistema CAD durante lo sviluppo e scansionate per produrne una perfetta replica
  • Ogni McLaren P1 è stata realizzata su misura da un team di 82 tecnici in un processo di assemblaggio in quattro fasi. Dall’inizio alla fine, la costruzione di ogni vettura ha richiesto 17 giorni
  • Durante il suo programma Test di sviluppo, la McLaren P1 ha percorso oltre 620.000 chilometri di test, equivalenti a più di 15 volte il giro del mondo.
  • Il nome deriva dalle competizioni dove nei Gran Premi, “P1” che indica il primo posto in griglia, ma c’è anche un’eredità nel nome: la McLaren F1 era inizialmente conosciuta come Project 1, o P1

Di seguito un video di ben 9 anni fa caricato suk nostro canale Youtube

La McLaren P1 è stata progettata fin dall’inizio per dare priorità alle prestazioni aerodinamiche, proprio come una vettura di Formula 1. E, sempre come una monoposto di Formula 1, test nella galleria del vento e modellazione aerodinamica CFD (Computational Fluid Dynamics) sono stati utilizzati per ottimizzare il flusso aerodinamico, offrendo un incredibile livello di carico aerodinamico, e per raffreddare i propulsori. Il risultato è 600 kg di deportanza a velocità ben al di sotto di quella massima (257 km) in modalità Race, notevolmente superiore alla maggior parte delle altre supercar ad alte prestazioni, e più in linea con i livelli di carico aerodinamico generati da una vettura da corsa GT3. Il carico aerodinamico migliora l’aderenza in curva della vettura, soprattutto ad alta velocità. Equilibrio, agilità e controllabilità sono eccezionali.

Altre aree della tecnologia prese in prestito dalla Formula 1 ed evidenti sulla McLaren P1 includono i rivoluzionari freni in carboceramica stratificata, sviluppati per uso su strada dal partner McLaren di Formula 1, Akebono. Il sistema IPAS (Instant Power Assist System), altamente efficiente, è uno sviluppo del KERS (Kinetic Energy Recovery System) utilizzato sulle monoposto di Formula 1, mentre il DRS (Drag Reduction System), anch’esso in dotazione alla McLaren P1™, offre potenza e velocità in rettilineo aggiuntive al tocco di un solo pulsante. Il Brake Steer, una tecnologia bandita dalla Formula 1, è infine anche presente sulla McLaren P1™. Il sistema ottimizza il comportamento e la velocità in curva della vettura.

McLaren P1: la migliore auto al mondo per gli appassionati delle prestazioni

Il risultato è una vettura che offre una deportanza senza precedenti per un’auto da strada: livelli non dissimili da una GT3 e tuttavia con effetto suolo ancora maggiore. Questo carico aerodinamico non solo migliora le prestazioni in curva e in frenata, ma ottimizza l’equilibrio, la stabilità e la guidabilità a tutte le velocità.

“La McLaren ha introdotto il telaio in fibra di carbonio in Formula 1 nel 1981 con la MP4/1 e poi abbiamo realizzato la prima vettura da strada in fibra di carbonio”, afferma Ron Dennis, McLaren Automotive Executive Chairman. “Siamo sempre stati all’avanguardia per quanto riguarda l’aerodinamica e tutta questa esperienza è stata trasferita nel design della nuova McLaren P1™. Venti anni fa, con la McLaren F1, abbiamo alzato il tiro in termini di prestazioni da supercar e con la McLaren P1™ l’abbiamo alzato al massimo”.