Bridgestone sulla griglia di partenza: tutto pronto per la MotoGP 2014

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Il mondiale di MotoGPTM prende vita questo fine settimana con la prima gara della stagione 2014 sotto i riflettori del Qatar Losail International Circuit. Per Bridgestone – il primo produttore di pneumatici al mondo – il 2014 rappresenta la sua sesta stagione consecutiva in qualità di fornitore ufficiale di pneumatici per la MotoGP. L’attenzione durante il pre-season si è focalizzata sullo sviluppo e la sperimentazione dei pneumatici, insieme a team e piloti, secondo le specifiche richieste per la stagione 2014. Bridgestone non ha però dimenticato il crescente esercito di fan attratto dalla MotoGP. Per loro, già a partire dalla prima gara in Qatar, Bridgestone ha introdotto un nuovo sistema di marcatura colorata dei pneumatici, al fine di aumentare la partecipazione degli spettatori durante la gara.

Bridgestone-MotoGP-0

Un nuovo sistema di marcatura dei pneumatici: Per la stagione 2014, ad ognuna delle quattro mescole corrisponderà un diverso colore: mescola extra-soft – verde; mescola morbida -bianco; mescola media -nero (senza banda); mescola dura -rosso. I fan saranno quindi in grado di riconoscere quale mescola viene utilizzata da ogni pilota sia sull’anteriore che sul posteriore. Questa novità renderà più facile per gli appassionati distinguere le gomme per le Factory e per le Open, che durante i weekend di gara avranno accesso a forniture di pneumatici differenti.

Nuovo sistema di marcatura colorata dei pneumatici Bridgestone: Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport ha dichiarato:

“Dato il grande successo della MotoGP in televisionee il crescente numero di appassionati che assistono alle gare in tv, il nuovo sistema di marcatura dei pneumatici è studiato per consentire agli spettatori di individuare la mescola che ogni pilota sta utilizzando.. Sono sicuro che questo sarà un cambiamento positivo per i fane renderà la MotoGP uno sport più avvincente per i milioni di telespettatori di tutto il mondo”.

Bridgestone-MotoGP-1

Per le gomme da pioggia, saranno offerte solamente due opzioni; le gomme da bagnato utilizzeranno ancora il sistema di marcatura precedente, con il pneumatico nero che denoterà l’opzione più dura, mentre l’opzione più morbida sarà contrassegnata con una striscia bianca.

Dal Qatar esigenze speciali sui pneumatici da gara: La stagione 2014 della MotoGPTM vede sfidarsi 23 piloti di 13 team che gareggeranno nelle 18 gare che si svolgeranno in 13 differenti paesi. La prima gara in Qatar è l’unica del calendario che si svolge in notturna e rappresenta una sfida speciale per pneumatici. Le temperature notturne sono solitamente piuttosto basse e sarebbe più opportuno utilizzare una mescola più morbida, ma non bisogna sottovalutare la presenza di sabbia sulla superficie della pista, che interferisce sulla durata dei pneumatici.

Shinji Aoki, Manager Bridgestone Motorsport Tyre Development Division, ha spiegato: “Questa combinazione di basse temperatura e difficile aderenza rende il tracciato piuttosto particolare e difficile per le gomme. Abbiamo fatto un grande sforzo per riuscire ad ottenere significativi miglioramenti sui pneumatici ed è grazie all’impegno di piloti e team nel corso degli ultimi due mesi di test, che possiamo arrivare alla gara del Qatar pronti per affrontare la prossima stagione”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.