OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Di giri insieme ne percorrono 18, uno in scia all’altro , quando sia Sebastian che Lewis sono impegnati nella simulazione sulla distanza di gara. E’ uno dei momenti più importanti di questa sessione,insieme alla simulazione di Schumacher il giorno dopo. Dati che mostrano Red Bull, McLaren e Mercedes in una situazione di sostanziale uguaglianza,ma soprattutto come siano nettamente superiore agli avversari. Non cercano tempi ad effetto, ignorano le gomme più prestazionali, la maggior parte del lavoro viene concentrato sulle gomme dure e medie. Della Ferrari, dispiace constatare come nella penultima sessione di prove prima di Merlbourne, il Cavallino abbia ancora svolto un ruolo comprimario. Il campionato riparte cosi con un sostanziale equilibrio di valori tra Red Bulle e McLaren, ma con la sorpresa della nuova Mercedes,che in termini di prestazioni in configurazione da gara, oramai le equivale, con Micheal Schumacher che comincia di nuovo a sentire l’odore della vittoria, come uno squalo affamato che sente l’odore del sangue. I tempi ottenuti sono di tutto rilievo, ma è fondamentale che la vettura non abbia mai palesato in cinque giorni di prova, problemi meccanici che la costringessero ad una sosta prolungata.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.