MotoGP 2013: esordio positivo per Alvaro Bautista – Team Gresini

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Malgrado le condizioni fisiche non fossero perfette, per i postumi della caduta nella seconda giornata di test a Jerez, Alvaro Bautista ha concluso positivamente la prima giornata di prove MotoGp 2013 sul circuito di Losail in Qatar. Sesto e molto vicino cronometricamente a chi lo precede ha portato a termine il lavoro con buon profitto malgrado le condizioni della pista non fossero perfette. Problemi di adattamento invece per l’australiano Bryan Staring per la prima volta in Qatar e per la prima volta alle prese con l’illuminazione artificiale. Domani sarà per lui un altro giorno e conoscendo la sua determinazione farà sicuramente dei progressi.

gresini-motogp2013

Alvaro Bautista (6° 1’ 57” 601 ): “Purtroppo non ero nella condizione migliore perché la pressione del guanto andava ad infastidire giro dopo giro le dita che mi sono contuso nella caduta di Jerez. Tutto sommato però sono abbastanza contento malgrado la pista che, come abitualmente succede in Qatar, il primo giorno è molto sporca, e quindi nei primi giri si faceva molta fatica. Lavorando verso la fine ci siamo migliorati ma il grip era veramente pessimo. Speriamo che le condizioni domani migliorino e con il programma di lavoro che abbiamo in mente di realizzare dovremmo fare un salto di qualità avvicinandoci ai primi ma soprattutto cercando di migliorare la prestazione dello scorso anno.”

Bryan Staring (22° 2’ 01” 942): “Per me c’era veramente tutto da scoprire, pista nuova e luci artificiali. Non è stato facile ed onestamente non sono molto soddisfatto però sono convinto che posso migliorare soprattutto se cambieranno le condizioni della pista che oggi erano particolarmente difficili per la quasi assenza di grip. Non sono felice ma non sono demoralizzato lavorerò intensamente insieme al mio team e risalirò la china.”

Fausto Gresini: “Direi che possiamo essere soddisfatti considerando anche il fatto che Alvaro ripartiva dalla caduta di Jerez e quindi non era in perfetta forma. Sicuramente dovremo lavorare anche perché le condizioni della pista di oggi non lo hanno certamente permesso. In ogni caso siamo fiduciosi perché sono convinto che abbiamo le potenzialità per migliorarci e faremo di tutto per farlo. Per Bryan invece era veramente tutto nuovo e considerando il poco grip della pista si è difeso abbastanza bene. Avendolo visto in azione ed avendo constatato quanto sia coriaceo son sicuro che domani farà un decisivo passo in avanti.”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.