Pneumatici moto Bridgestone per il MotoGP di Laguna Seca

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Il Gran Premio degli Stati Uniti, 9°a gara del Campionato del Mondo MotoGP che si svolgerà domenica 25 luglio a Laguna Seca, uno dei più famosi ed impegnativi circuiti del Motomondiale, conosciuto da tutti per la temibile curva “Cavatappi”, si preannuncia particolarmente impegnativo per i pneumatici Bridgestone. Quest’anno Bridgestone ha adottato un approccio differente rispetto alla scorsa edizione: il pneumatico moto posteriore sarà infatti uno slick asimmetrico: presenta una mescola più dura nella spalla sinistra, che garantisce una maggiore durata e stabilità con temperature elevate, e una mescola più morbida nella spalla destra, per una migliore performance di riscaldamento.


 

Il circuito di Laguna Seca, il più corto del calendario del Motomondiale, presenta 7 curve a sinistra e 4 a destra: in particolare, di queste le curve 3, 4 e 10 risultano fondamentali per ottenere un buon tempo sul giro. Tutto ciò richiede un carico costante sulla spalla del pneumatico e quindi risulterà importantissimo avere buona durata e consistenza delle gomme per tutti i 32 giri. Il corto rettilineo comporta infatti per i pneumatici un minor tempo per il raffreddamento (solitamente le gomme si raffreddano lungo i rettilinei), dove il flusso dell’aria è al massimo e la spalla del pneumatico non è sottoposta a carico, quindi le temperature medie del pneumatico nel corso di un giro sono più elevate rispetto alla temperatura dell’aria.


Fonte: Bridgestone – Brembo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.