PREZZI E OFFERTE PNEUMATICI INVERNALI 2022

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin CrossClimate 2ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter 2ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Continental WinterContact TS870INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Goodyear Ultragrip 9INVERNALE

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP3INVERNALE

Mostra Prezzo

Hankook Winter icept RS2 W452INVERNALE

Mostra Prezzo


A differenza dell’ultimo Gran Premio, in Corea dove Pirelli è scesa in pista con le sue mescole più morbide, il circuito indiano sottopone le gomme a maggiori sollecitazioni. Ciò è dovuto ad alcuni fattori, a partire dalle alte temperature che superano i 30 gradi centigradi. Il layout del tracciato, poi, presenta diverse curve veloci che scaricano sugli pneumatici una forte energia laterale: in particolare nella curva 10, simile alla famosa curva 8 del GP di Turchia. Lo pneumatico anteriore sinistro è soggetto a una accelerazione di 4g all’uscita della curva, dove è richiesto il massimo grip per mantenere la traiettoria, ma le gomme in curva sono anche sottoposte a un pieno carico laterale per sei secondi, il che ne aumenta l’usura. In particolare, all’inizio del giro ci sono notevoli dislivelli che esercitano forze verticali sugli pneumatici, a cui si aggiunge una forza frenante di 3.6g nella curva 4.

F1 India: Intervista a Narain Karthikeyan, HRT 1

Il rettilineo principale, che misura più di un kilometro, è uno dei più lunghi dell’anno: le temperature del battistrada possono raggiungere i 100 gradi centigradi durante il giro per poi raffreddarsi considerevolmente alla fine del rettilineo.

Narain Karthikeyan, HRT ha dichiarato circa il prossimo Gran Premio dell’India.: “L’anno scorso la scelta delle gomme è stata comprensibilmente un po’ conservativa, ma con le mescole 2012 leggermente più morbide e un tracciato in condizioni fantastiche, quest’anno la situazione potrebbe essere diversa. Il layout presenta un grande mix di caratteristiche ed è sfidante per le gomme, in quanto vi sono pochissime curve non impegnative, fatte salve la curva 1 e, forse, l’ultima. Se si è impazienti con l’acceleratore, l’uscita in prima marcia dalla curva 3 può stressare le gomme posteriori. Alle curve 5-6 si sterza e si accelera simultaneamente, arrivando ai limiti della pista. Ci sono un paio di cambi di direzione in quinta marcia, con le curve a esse 8-9 e 13-14 affrontate a oltre 200 km orari. Infine c’è la lunghissima curva 10, in cui si sterza per oltre sei secondi mentre la velocità minima in curva è di poco inferiore ai 200 km orari e sottopone l’anteriore sinistro degli pneumatici a un’enorme energia. Nel complesso, si tratta di un giro abbastanza impegnativo ma, dal momento che la superficie non è abrasiva, l’usura delle gomme non dovrebbe essere un problema. Dovremo aspettare fino alle sessioni di prove libere del venerdì per scoprire cosa ci si può attendere da entrambe le mescole. L’obiettivo è vedere come le morbide performano a pieno carico di carburante. Ovviamente per me questa è la gara più attesa del calendario, e c’è già una grande curiosità attorno all’evento, visto che il Campionato è ancora aperto, mi auguro che tutti i piloti e gli addetti della F1 possano assaporare l’esperienza indiana”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.