OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Le statistiche rivelano una situazione preoccupante: ogni anno 1,3 milioni di persone sono vittime di incidenti stradali nel mondo. Tra queste, i giovani pagano un tributo pesante. Oggi, gli incidenti stradali costituiscono la prima causa di mortalità tra i giovani di età compresa tra i 16 e i 24 anni.  Le prospettive evidenziate dal primo grande studio internazionale, condotto nel 2009 in 178 Paesi che rappresentano il 98 % della popolazione, su iniziativa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si rivelano altrettanto allarmanti. Entro il 2030, il numero totale dei decessi potrebbe quasi raddoppiare e arrivare a 2,4 milioni, rendendo gli incidenti stradali la quinta causa di mortalità nel mondo. All’importanza di queste stime si aggiunge la disuguaglianza di fronte al rischio. Complessivamente, il 90 % dei decessi si verifica in Paesi a basso e medio reddito, proprio nelle zone in cui si concentra meno della metà dei veicoli immatricolati (48%). Lo sviluppo della motorizzazione e l’espansione demografica associata a una crescente urbanizzazione dovrebbero sfortunatamente aumentare questa tendenza. Invece, nei Paesi ad alto reddito si dovrebbe registrare una diminuzione del numero di incidenti, con conseguente riduzione della mortalità e delle lesioni. Il Gruppo Michelin attua una politica mondiale per contribuire a contrastare questa piaga. La ricerca delle prestazioni degli pneumatici è accompagnata da una mobilitazione per rendere le strade più sicure ovunque.

Le azioni di Michelin si sviluppano su tre assi

1) Tutto comincia dagli pneumatici. Michelin progetta, produce e commercializza pneumatici in grado di offrire la migliore aderenza possibile, in tutte le condizioni della strada. Il nuovo pneumatico Michelin Primacy 3 è la migliore rappresentazione di questa capacità. Questa qualità è sistematicamente associata ad altre due: efficienza energetica e durata chilometrica. L’equilibrio di queste prestazioni è la caratteristica che contraddistingue gli pneumatici Michelin.

2) Michelin aumenta la sicurezza stradale realizzando iniziative a livello locale, in tutti i luoghi in cui il Gruppo è presente. Oltre a sensibilizzare il personale, queste azioni hanno due finalità: sensibilizzazione degli automobilisti alla corretta pressione degli pneumatici e sensibilizzazione dei giovani, che sono tra i soggetti più vulnerabili, ai pericoli della strada.

3) Il Gruppo sostiene anche attivamente programmi o iniziative lanciati da organismi pubblici o privati, a livello nazionale o internazionale.

Corretta pressione e formazione, la sicurezza sul campo sviluppata da Michelin

Oltre a produrre pneumatici e innovazione, il Gruppo è coinvolto in iniziative attinenti alla sicurezza stradale a livello locale, in tutti i Paesi in cui è presente. I programmi attuati da Michelin sono di due tipi: la sensibilizzazione degli utenti dei veicoli a motore (automobili, mezzi pesanti, due ruote) alla corretta pressione degli pneumatici, e la formazione dei giovani, che sono gli utenti della strada più vulnerabili, ma anche i più inclini a modificare i propri comportamenti.

Le sfide legate alla corretta pressione dei pneumatici

Dal 2003, durante le sue campagne europee «Fate il pieno d’aria», Michelin ha notato che il 61 % degli automobilisti sottoposti a controllo nei 27 Stati membri dell’Unione Europea guidavano costantemente con gli pneumatici sgonfi, fonte di pericolo per sé e per gli altri utenti della strada. Operazioni analoghe attuate dal Gruppo in Russia, in Medio Oriente, in Nord America, in Sud America e in Asia mostrano risultati equivalenti. Si stima che il 6 % degli incidenti mortali sulle strade europee sia causato da pneumatici danneggiati o gonfiati in modo insufficiente.

Fatto allarmante, il fenomeno del gonfiaggio insufficiente sembra non conoscere frontiere. Se Michelin rileva quest’informazione alla fonte (grazie alle sue operazioni «Fate il pieno d’aria»), anche altri organismi confermano che vi è la necessità di agire. Il Dipartimento dei Trasporti americano ha pubblicato, all’inizio del 2001, un’indagine realizzata dalla NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration) che rivela che il 27 % delle automobili e il 33 % dei veicoli leggeri (compresi i S.U.V.) che circolano sulle autostrade americane avevano almeno uno pneumatico gonfiato in modo insufficiente e pericoloso. In Germania, la società Dekra stima che il 41 % degli incidenti stradali che implicano conseguenze fisiche sono dovuti al mancato controllo degli pneumatici, che risultano gonfiati in modo insufficiente o semplicemente usurati. Porre rimedio a questo problema significa fornire soluzioni tecnologiche (pneumatici che hanno meno perdite d’aria e sono più sicuri, come gli pneumatici Michelin) e servizi adeguati agli utenti della strada. Michelin ha dunque creato le «pompe Bibendum», apparecchi gratuiti per controllare la pressione messi, ad esempio, a disposizione delle società di gestione delle autostrade e degli enti locali. Dal 2006, varie decine di  «pompe Bibendum» sono state installate in Francia, nelle aree di sosta delle autostrade, nei parcheggi o in prossimità dei siti del gruppo Michelin. È prevista l’installazione negli altri Paesi dell’Unione Europea e in altre zone del mondo. Attraverso la sua divisione Michelin Lifestyle Limited, Michelin sviluppa anche tutta una serie di apparecchi facili da usare e da trasportare per controllare e regolare la pressione degli pneumatici.

Per sensibilizzare ulteriormente gli automobilisti ai pericoli di un gonfiaggio insufficiente dei pneumatici, Michelin ha ideato un simulatore di guida unico al mondo. Progettato sulla base di un’automobile reale affinché il pubblico si ritrovi in un ambiente abituale, riproduce su grandi schermi panoramici un percorso stradale effettuato con pneumatici gonfiati in modo insufficiente. Le situazioni in cui si ritrova l’automobilista virtuale sono sufficientemente sorprendenti da fargli prendere coscienza dei gesti semplici da effettuare per salvaguardare la sua sicurezza e quella degli altri. Questo simulatore è stato progettato per «viaggiare» e moltiplicare le occasioni di test offerti al grande pubblico (soprattutto in occasione dei Saloni internazionali dell’Auto).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.