Rally, Jean Todt: sono ottimista sul futuro del WRC

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Tuttavia Todt ha ha sottolineato d’intravvedere in questa crisi un’opportunità di riscossa per la disciplina dichiarando: La nostra ambizione è quella di garantire un futuro migliore al Campionato del mondo, al Campionato europeo ed in generale alla disciplina.  Quando avremo scelto un nuovo promotore per il WRC, lavoreremo attivamente con lui, con gli organizzatori delle gare, coi concorrenti e coi costruttori affinché il campionato ritrovi lo statuto che deve essere il suo e che aveva prima. Senza cedere, ora, alla precipitazione, credo fermamente che verrà fatto un passo in avanti sin dal 2013 e che esso sarà seguito da altri sviluppi positivi e miglioramenti in vista del 2014. Sono ottimista circa il fatto di raggiungere gli obbiettivi che ci siamo prefissati.

Jean Todt ha altresì ribadito che, a suo parere, ogni competizione deve necessariamente essere contraddistinta da una propria personalità ed si augura che il fattore “sogno” torni ad essere una peculiarità primordiale dei rally. Lo stesso Todt si esprime anche sul calendario gare dichiarando: Con dieci gare in Europa e tre nel resto del mondo, non è proprio un campionato planetario. Abbiamo bisogno di un maggiore equilibrio, con gare in Africa, Russia, Asia, eccetera. Vorrei arrivare ad un rapporto del 50/50

Todt ha inoltre parlato del sistema chiamato SupeRally, sistema che permette agli equipaggi di riprendere la gara anche dopo essersi ritirati. A mio parere – dichiara il presidente FIA – è evidente che se un pilota si ritira non dovrebbe poter continuare a correre e conquistar punti. Sono incline ad esser solidale con le squadre che perdono una vettura – com’è accaduto alla Ford mercoledì, con Latvala – ma ritirarsi fa parte delle corse.

Fonte: best-of-rallylive.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.