OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Il nuovo Michelin Primacy 3 è forse uno dei pneumatici più interessanti del momento. Oltre a migliorare l’efficienza del motore e diminuire l’impatto ambientale, è stato concepito seguendo precisi dettami di sicurezza stradale, allo scopo di creare una gomma che potesse essere sia ecologica, che affidabile a livelli altissimi. A giudicare dai risultati ottenuti durante gli esami del TÜV, la casa francese sembra proprio esserci riuscita. Rispetto agli avversari, il Primacy 3 guadagna 1,5 metri in situazioni di frenata su bagnato, 2,2 metri su strada asciutta e permette di mantenere 3 km/h in più di velocità media durante le immissioni in curva con strada bagnata. Questo grazie ad una serie di innovazioni tecniche ed ecologiche all’avanguardia, che hanno creato una gomma utilissima in numerose occasioni. Ma andiamo con ordine.

3 incidenti su 4 sono su strada asciutta

Gran parte degli studi effettuati da Michelin si sono basati su alcune rilevazioni effettuate dal VUFO, società dell’Università di Dresda che in questi ultimi anni si è preoccupata di raccogliere più dati possibile circa gli incidenti stradali, osservati e valutati sotto un punto di vista fenomenologico e fisico. Ne è risultato che il 70% degli incidenti stradali avviene su strade perfettamente asciutte. Una rivelazione abbastanza sorprendente, dato che tutti siamo portati a pensare che sia con la pioggia, quindi con il grip diminuito, che si corrano più rischi. Invece non solo quasi 3 incidenti su 4 sono su strada asciutta, ma il 75% degli impatti avviene su un rettilineo. Addirittura il 50% degli incidenti avviene in città, a basse velocità, su rettilineo e con asfalto asciutto. Praticamente il contrario di quello che normalmente siamo portati a pensare. Forse proprio la minore attenzione ci porta a questi errori di valutazione.

Aderenza Superba

Cos’ha pensato di fare, quindi, la Michelin. Occorreva ideare un nuovo pneumatico che potesse garantire sia un’ottima presa sull’asciutto, sia un buon grip sul bagnato. Il Michelin Primacy 3 dovrebbe rispondere a queste esigenze, ma per esserne sicuri noi di Gommeblog abbiamo partecipato all’evento A Life in a Day sul circuito di Valencia, in Spagna, dove abbiamo potuto mettere alla prova il Primacy 3 nelle condizioni di frenata su asciutto, frenata su bagnato e curva su bagnato. Proprio i tre settori premiati dalla TÜV.

Un metro e mezzo in meno in frenata

Prima di tutto abbiamo testato il pneumatico durante una frenata su asfalto bagnato, arrivando da una velocità di 80 km/h. Dopo varie prove, abbiamo rilevato un guadagno medio rispetto ai competitor di 1,5 metri, esattamente quanto rilevato nei test ufficiali con piloti professionisti. Durante la prova di frenata su asciutto, invece, il guadagno è stato inferiore rispetto ai 2,2 metri rilevati dal TÜV, ma comunque sensibile e oggettivo. Infine è venuto il momento della prova di curva su bagnato. Non avevamo gli strumenti per confermare i 3 km/h dei test TÜV, ma vi possiamo assicurare che con le Primacy 3 mantenere la traiettoria era estremamente più semplice e non richiedeva eccessive correzioni con il volante.

In definitiva, il Michelin Primacy 3 mantiene le promesse che ha fatto, grazie alla tecnologia delle lamelle autobloccanti e del nuovo design che permettere di mantenere la massima aderenza della gomma sull’asfalto sia in condizioni di strada asciutta, sia bagnata. Per il momento non sono ancora stati comunicati i prezzi ufficiali, ma ci è stato detto che saranno molto simili a quelli del Primacy HP.

Per approfondire:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.