MotoGP Indianapolis 2011, i commenti Bridgestone sulla questione usura

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

La gara di Moto Gp di Indianapolis di questo weekend sarà ricordata presumibilmente per la questione pneumatici e per la grande polemica che sta montando in queste ore circa l’eccessivo consumo delle Bridgestone su un asfalto che, secondo le previsioni, doveva permettere un consumo e un’abrasione inferiore rispetto alla norma. Simoncelli non sarà molto d’accordo, dato che ha visto proprio nell’usura dei pneumatici il suo principale tallone d’Achille. Arrivato al dodicesimo posto, Sic ha constatato che la sua gomma anteriore avrebbe retto solamente per i primi cinque giri, per poi degradarsi progressivamente fino alla fine della gara, da lui definita “un vero calvario”. La mia gara vera è durata 6 giri, purtroppo però ce n’erano altri 23 da fare – ha dichiarato amareggiato alla Gazzetta dello Sport – Il problema è sempre lo stesso: la gomma davanti dopo 5 giri è crollata, poi è calata sempre di più ed è stato un calvario arrivare alla fine. Come mai un degrado così diverso dalle Honda Hrc? Boh, forse il peso, forse la guida dei loro piloti è meno stressante per l’anteriore, o hanno lavorato meglio. Ho capito subito che per il podio non era cosa.

Parole che suonerebbero però come il “lamento dello sconfitto”, in quanto la Bridgestone ha fatto un’analisi estremamente positiva di ciò che è successo a Indianapolis. «Quello che abbiamo visto è la chiara dimostrazione di quanto sia importante il giusto set-up delle moto per massimizzare le performance dei pneumatici – ha dichiarato Hirohide Hamashima, Assistente del Responsabile Sviluppo Bridgestone Motorsport – Alcuni piloti hanno patito un’elevata usura dei pneumatici moto specialmente all’anteriore ma, per contrasto, i piloti di testa sono stati particolarmente consistenti e i loro tempi sul giro hanno evidenziato una buona durata.»

Foto: Josh Hallett via Flickr

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.