Test Pneumatici Auto

Pneumatici vecchi: un test TCS ne dichiara la pericolosità

PEUMATICI ESTIVI: i Migliori Prezzi su Amazon - TEST TCS 2024

MODELLO

VALUTAZIONE TCS

PREZZO

Continental PremiumContact 7★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4+★★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecsta HS52★★★★

Mostra Prezzo

Debica Presto UHP 2★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Sport Maxx RT2★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Turanza 6★★★

Mostra Prezzo

Fulda SportControl 2★★★

Mostra Prezzo

Hankook Ventus Prime4★★★

Mostra Prezzo

Goodyear EfficientGrip Performance 2★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE 310 EcoRun★★★

Mostra Prezzo

Nexen Tire N’Fera Primus★★★

Mostra Prezzo

Goodride Solmax 1★★★

Mostra Prezzo

Linglong Sport Master★★★

Mostra Prezzo


Nuovo test sui pneumatici dal TCS; il famoso Touring Club Svizzero, ha esaminato infatti testato, in prove studiate appositamente vecchi pneumatici estivi (da 2 a 14 anni d’età) aventi ancora battistrada sufficiente. Le prove sono servite a dimostrare la bontà e l’efficacia di gomme che seppur datate, presentano ancora battistrada a norma di legge. Le prove sui pneumatici si sono incentrate sulla sicurezza: frenata su fondo asciutto e bagnato, percorrenza di un circuito bagnato, test handling. Come è andata? Dopo 5 anni, i pneumatici testati presentano già gravi carenze nelle manovre su fondo bagnato e le gomme con oltre 10 anni di vita non dovrebbero più circolare su strada.

 

Pneumatici vecchi: un test TCS ne dichiara la pericolosità 1

 

Test pneumatici vecchi

 

Il test dimostra che l’età di una gomma è fondamentale per la sicurezza stradale. Durante gli anni infatti i pneumatici non garantiscono più le stesse prestazioni di quando sono nuovi o recenti. Ad 80 Km/h, lo spazio di frenata su bagnato di una gomma di 5 anni si allunga di ben 6 metri rispetto ad un pneumatico nuovo; ciò implica che una vettura gommata con pneumatici di 5 anni, ha una velocità residua di 30 km/h rispetto ad un’auto che con pneumatici nuovi è già completamente ferma.

 

Male sul bagnato

 

Viaggiando su fondo bagnato (circuito bagnato e handling sul bagnato), l’aderenza peggiora sensibilmente anche se il battistrada è circa 5mm di profondità (3,4mm superiore al minimo legale di 1,6mm).

 

Pneumatici vecchi: un test TCS ne dichiara la pericolosità 2

 

Invecchiamento delle gomme e stoccaggio

 

Durante l’invecchiamento, la gomma subisce un processo di ossidazione causato dall’ossigeno e all’ozono, (fenomeno che può provocare crepe). Per tale motivo, non si dovrebbero acquistare pneumatici con DOT (data fabbricazione) superiore ai 2 anni.

 

Se vuoi approfondire: Come leggere un pneumatico

 

Pneumatici vecchi: un test TCS ne dichiara la pericolosità 3

 

Per ciò che concerne lo stoccaggio è necessario riporre i pneumatici le gomme in un luogo fresco, lontano dalla luce diretta del sole, asciutto, senza ozono e chiazze di olio. In caso contrario, il processo di invecchiamento del pneumatico può accelerare.

 

Se vuoi approfondire: Stoccaggio pneumatici

 

Se invece se interessato ai test pneumatici 2011, ti inoltro i link alle prove:

Gommeblog.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News.

Se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie: RESTA AGGIORNATO/A QUI


6 thoughts on “Pneumatici vecchi: un test TCS ne dichiara la pericolosità

  • Leggendo le vostre risposte mi vien da dire, da cliente, che preferisco di gran lunga un gommista come pieruccioni.it che un gommista come nando.

  • a novembre 2012 mi sono stati montati pneumatici termici run flat, ma vedo dal DOT che sono del novembre 2010, quindi hanno due anni, cosa dovrei fare e corretto che pago gomme nuove che hanno già due anni?

  • Io quando mi arrivano gomme con DOT vecchio (cosa rarissima) le rimando indietro, e mi vengono fatte anche delle scuse. Nel mio precedente post ho comunque sia detto che ad oggi la garanzia viene data dal momento della vendita. Poi comunque sia quando parliamo di pneumatici con DOT vecchio non parliamo certo di gomme di 2 anni, in quel caso posso dare ragione a Nando quando dice che ci sono clienti che non le vogliono a causa di malainformazione

  • SI MA NOI GOMMISTI ORDINIAMO LE GOMME E I DISTRIBUTORI LI MANDANO CON DOT VECCHI…. E I CLIENTI NON LE VOGLIONO….CHE NE DOVREMMO FARE??? CE LE SBATTIAMO!! **** !!! SOPRATTUTTO CHI METTE QUESTE FALSE INFORMAZIONI IN RETE PROCURANDO ULTERIORE DANNO A CHI PER VIVERE COME ME VENDE PNEUMATICI! LE GOMME ANCHE SE SONO DI QUALCHE ANNO DI FABRICAZIONE SE OVVIAMENTE SONO STATE STOCCATE BENE SONO EFFICIENTISSIME TANTO è VERO CHE LE CASE PRODUTTRICI DANNO LA GARANZIA DALLA DATA DI MONTAGGIO !! NON DI FABRICAZIONE!!

    • Gommeblog.it lo ribadisce da tempo ….. una Gomma di TOT ANNI stoccata nel modo opportuno e nei luoghi opportuni, NON E’ TECNICAMNETE DIMOSTRATO CHE SIA INFERIORE (PRESTAZIONALMENTE) AD UNA GOMMA NUOVA …. Naturalmente il pneumatico deve essere conservato con le opportune cure, cure che spesso (non per incuranza del gommista) possono venire meno.

  • Ricordo che anni addietro le case produttrici dichiaravano a noi gommisti che pneumatici con DOT superiore ai 5 anni non venivano più ritenute in garanzia anche se erano nuove, e stoccate in maniera corretta. Questo ad oggi non è più valido per motivi di legge, ma è segno che le case stesse sono consapevoli da tempo della pericolosità di pneumatici vecchi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.