OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Durante l’evento Michelin “A Day In My Life”, Gommeblog.it ha avuto modo di testare le nuove gomme auto Michelin Primacy 3, pneumatici che, progettati e realizzati seguendo standard di sicurezza stradale unici al mondo promettono performance di assoluto rilievo. Lo sviluppo dei pneumatici auto Michelin Primacy 3 è frutto di attente indagini eseguite dalla VUFO, cattedra della Technische Universität di Dresda destinata allo studio degli incidenti stradali. Dopo infatti aver analizzato e studiato ventimila incidenti stradali verificatisi nell’ultimo decennio in Europa sono emersi dati statistici sorprendenti, dati che successivamente hanno portato allo sviluppo di nuove gomme caratterizzate da standard di sicurezza stradale estremamente elevate.

Automobilisti più attenti sul bagnato … ma “meno” sull’asciutto

Dopo aver analizzato i risultati delle indagini (per approfondire leggi Sicurezza Michelin Primacy 3), è emerso che circa il 70% degli incidenti avviene su strade asciutte, il 60% nelle aree urbane e a bassa velocità, il 75% degli nei rettilinei (di cui il 20% su strada bagnata) ed il 25% avviene in curva: sono i più gravi (il 50% dei quali su strada bagnata). Altro dato importante è che circa il 99% degli incidenti su strada bagnata si verifica in presenza di uno spessore 
di acqua molto basso.

A conferma di ciò, emerge un ulteriore dato statistico confermato da molti automobilisti intervistati, automobilisti che, consapevoli dei potenziali pericoli stradali affermano:

  • Io guido essenzialmente in città e con tempo asciutto. Posso dirvi che devo frenare tutti i giorni per evitare scooters e motocicli, per esempio!
  • È nel momento nel quale non presto attenzione che il rischio d’incidenti è più elevato … Quando la strada è bagnata, faccio sempre più attenzione
  • Quando guido, sono responsabile della mia sicurezza, e la sicurezza degli altri. Utilizzare dei buoni pneumatici, è una parte di questa responsabilità.

Queste solo alcune delle testimonianze, testimonianze che tuttavia evidenziano un dato comune: equipaggiare la propria auto con pneumatici in grado di ottenere elevate prestazioni in termini di sicurezza è fondamentale: nello specifico, avere la consapevolezza che le proprie gomme siano caratterizzate da ottima frenata su fondo asciutto – bagnato e altissima tenuta laterale infonde estrema sicurezza alla guida.

Al fine quindi provare in anteprima queste nuove e super tecnologiche coperture, siamo andati a Valencia per assistere all’evento “A Day In My Life”, evento in cui noi di Gommeblog.it abbiamo avuto modo di provare le nuove Michelin Primacy 3 in tre test: frenata su asciutto, frenata sul bagnato e tenuta laterale. In questo articolo andiamo a riportarvi le nostre sensazioni di guida nel test di frenata su fondo asciutto.

Michelin Primacy : Test su asciutto

Andiamo quindi a verificare i risultati dei test pneumatici effettuati dal TUV*, test che hanno messo in comparazione i nuovi Michelin Primacy 3 con i competitors più importanti e significativi presenti sul mercato.

*: Test TÜV Süd e IDIADA 2011 nelle dimensioni 205/55 R 16 V e 225/45 R 17W, pneumatici disponibili e acquistati sul mercato a febbraio 2011

Durante il test di frenata su fondo asciutto è stato possibile confermare una riduzione degli spazi di arresto del Primacy 3 inferiori di 1,5 metri (da 80 a 10 Km/h) rispetto ai concorrenti. Tale potenza frenante conferma le ottime performance dei nuovi pneumatici Michelin ed evidenzia una netta superiorità dei Primacy 3 sui rivali del segmento.

Le lamelle che fanno la differenza

Come hanno fatto ingegneri e tecnici Michelin ad ottenere tali risultati? Durante l’intera fase si Ricerca – Sviluppo e la fase prototipica, Michelin ha avuto modo di studiare e realizzare una innovativa mescola ottimizzata per l’aderenza in tutte le condizioni stradali, una nuova mescola che garantisce performance di sicurezza elevatissime senza tuttavia sacrificare due prestazioni importanti: risparmio di carburante e durata chilometrica. Questa mescola è il risultato di un processo di lavorazione complesso e inedito di vari elastomeri, di una carica rinforzante a base di silice e di plastificanti a base di resina. Ciò che rende la mescola innovativa non sono soltanto i componenti, ma in misura maggiore il dosaggio ottimale di ognuno di essi e il processo di miscelazione. Questo processo di lavorazione unico crea una fortissima coesione tra i componenti della gomma, e consente un’elevata durata chilometrica.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=MBfXhNngzA4′]

La scultura del battistrada, composta da lamelle innovative, ha inoltre contribuito notevolmente al raggiungimento di tale traguardo. Con le forti sollecitazioni imposte al pneumatico, (in caso di frenata di emergenza, o in curva, su suolo asciutto o bagnato), risulta infatti fondamentale beneficiare della massima superficie di gomma a contatto con la strada. Per questo motivo Primacy 3 è dotato di una nuova scultura brevettata con lamelle autobloccanti, lamelle in grado di bloccarsi tra loro per ottenere una maggiore rigidità. Ciò riduce la deformazione dei tasselli di gomma e permette di migliorare la qualità del contatto tra pneumatico e strada.

Oltre alla loro progettazione, la produzione industriale di queste nuove lamelle costituisce un’innovazione tecnologica: il loro spessore minimo è di 2 decimi di mm (da 2 a 3 volte più sottili delle lamelle che caratterizzano il battistrada dei pneumatici invernali).

Conclusioni

Il Michelin Primacy 3 ha soddisfatto a pieno le nostre aspettative. Frena molto molto bene e la forza frenate è percepibile, forte e omogenea. L’esigenza di disporre di pneumatici sempre più sicuri, (che per di più permettano di risparmiare anche carburante) sarà senza dubbio una prerogativa del settore Automotive nel prossimo futuro. Michelin si è portata avanti ed effettivamente ha realizzato un prodotto performante, molto equilibrato ma soprattutto decisamente sicuro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.