OFFERTE GOMME AUTO: Pneumatici INVERNALI 2019

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2INVERNALE

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP3INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato WinterINVERNALE

Mostra Prezzo

Continental WinterContact TS860INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Hankook Winter icept RS2 W452INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin A4INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Falken Eurowinter HS01INVERNALE

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Goodyear Ultragrip 9INVERNALE

Mostra Prezzo

Nokian WR D4INVERNALE

Mostra Prezzo


Michelin presenta a Blog e stampa, presso il centro ADAC di Berlino l’evento “Equilibrio delle Prestazioni”, evento a cui, come anticipato qualche articolo fa, Gommeblog.it ha partecipato. Un evento importante e ricco di Tecnica sui pneumatici, un evento che ha permesso al blog di confrontarsi con Ingegneri e Tecnici di importanti enti come Dekra e TUV SUD Automotive. Ma cosa significa nel dettaglio Equilibrio delle Prestazioni? Con questa frase, Michelin, intende completare lo spot pubblicitario lanciato qualche mese fa “Il Giusto Pneumatico Cambia Tutto”. Ebbene si, i pneumatici, come gran parte dei prodotti sviluppati e commercializzati, sono frutto di un giusto equilibrio, equilibrio che consente di sviluppare prodotti tecnologicamente avanzati e al contempo equilibrati sotto ogni dettaglio costruttivo. I pneumatici, è infatti fondamentale ricordarlo, sono l’unico punto di contatto tra noi e la strada che quotidianamente percorriamo, strada che molto spesso può nascondere insidie e pericoli; è bene quindi possedere gomme non solo performanti ma prestazionalmente complete e soprattutto equilibrate.

 

Prima di continuare nella spiegazione tecnica, Vi porgo una domanda:

 

Se Apple producesse un lettore MP3 delle dimensioni di un francobollo in grado di contenere 10 miliardi di brani ma che nello stesso tempo avesse un audio orribile, lo comprereste? …. Sicuramente no, vero !! Magari preferireste un lettore un po’ più grande, in grado di contenere meno brani, ma dall’audio potente e pulito.

 

La stessa regola vale per Michelin e per i suoi pneumatici; vediamo nel dettaglio più precisamente l’ Equilibrio delle Prestazioni

 

 

Equilibrio delle Prestazioni

 

Dopo 5 anni di studi di soddisfazione condotti da TNS su come l’utente percepisce le prestazioni dei pneumatici delle proprie vetture, è emersa una domanda: Per il consumatore, qual è il pneumatico migliore? Prima di rispondere è bene precisare che, sempre dal sopracitato studio di TNS, è emerso che:

 

  • Il 75% degli automobilisti decide da solo quando sostituire i pneumatici
  • Il 60% degli automobilisti fa ricerche (Internet, riviste, ecc, ecc..) prima di cambiare i pneumatici
  • Il 72% degli automobilisti desiderano pneumatici su cui poter contare
  • Il 50% degli automobilisti vogliono pneumatici che NON necessitano di manutenzione
  • Solo 1/3 degli automobilisti controlla periodicamente lo stato delle gomme

 

Se ne deduce che l’utente finale Europeo meno pensa alle proprie gomme, meglio sta, e, durante l’acquisto di pneumatici nuovi predilige gomme caratterizzate dal miglior rapporto tra: SICUREZZA (Aderenza), RISPARMIO di CARBURANTE e DURATA CHILOMETRICA.

 

Il miglior rapporto tra questi 3 paramteri è definito da Michelin: Equilibrio delle Prestazioni

 

Il miglior pneumatico per l’utente finale, e non considerando la prestazione assoluta, risulta quindi quello che meglio è identificato da tale rapporto. E perché ho aggiunto non considerando la prestazione assoluta?


Con prestazione assoluta, si intende infatti un pneumatico destinato ad un SOLO scopo: prendiamo come esempio una gomma da competizione utilizzata per strappare un unico giro veloce e poi successivamente sostituita: questa gomma necessita di un’unica prestazione: LA SICUREZZA (Aderenza). Ai fini del risultato che si desidera ottenere (il tempo sul giro), non è infatti assolutamente rilevante che duri per 45,000 km e che mi faccia risparmiare ad esempio 80 litri di carburante, DEVE AVERE GRIP E FARMI ARRIVARE PRIMA DEGLI ALTRI CONCORRENTI.

 

Nella vita quotidiana invece, quando percorriamo migliaia di chilometri tra urbano, autostrada e montagna, risulta fondamentale equipaggiare la nostra vettura con pneumatici caratterizzati da 3 prestazioni diverse, ossia pneumatici in grado di: contribuire a ridurre i consumi del veicolo, garantire il massimo livello di sicurezza e infine offrire la maggiore durata chilometrica possibile.

 

Sicurezza – Aderenza

 

Come detto prima, i pneumatici sono l’unico punto di contatto tra noi e la strada; di conseguenza la prestazione SICUREZZA risulta di fondamentale importanza. L’aderenza di un pneumatico risulta essere tanto maggiore, quanto minore è il coefficiente di attrito generato dal rotolamento del pneumatico sull’asfalto. Se percorriamo una strada bagnata, tutti noi siamo a conoscenza di quanto sia importante che i nostri amati pneumatici non scivolino via alla prima pozzanghera o alla prima curva. La SICUREZZA è quindi una prestazione di fondamentale importanza. L’aderenza però incide sulla durata chilometrica e sul risparmio di carburante.

 

 

Durata Chilometrica

 

La DURATA CHILOMETRICA è quella prestazione che ci consente di recarci meno spesso dal nostro amico gommista (meno spesso solamente per acquistare nuovi pneumatici: è infatti fondamentale eseguire controlli sulla pressione di gonfiaggio e sullo stato di usura dei pneumatici). La durata chilometrica molto spesso è una prestazione che va a discapito dell’ ADERENZA, in quanto è risaputo che pneumatici dall’elevato GRIP non percorrono tanti chilometri. Tuttavia Michelin ed i suoi ingegneri sono riusciti in questa impresa.

 

Risparmio di Carburante

 

Il RISPARMIO di CARBURANTE è forse la prestazione meno desiderata e ricercata da chi acquista pneumatici nuovi in quanto è ancora presente una ormai obsoleta consapevolezza che i pneumatici NON incidano sul consumo della vettura. Bene, mi dispiace smentirvi ma non è così: Michelin, con i suoi pneumatici Energy Saver, riesce infatti a far risparmiare 80 litri di carburante su una percorrenza di 45.000 km.

 

Vi starete chiedendo adesso: cosa mi interessa di risparmiare 80 litri di carburante in 4 anni (supponendo che percorriate 10.000 km all’anno)? Vi rispondo subito: innanzi tutto se consideriamo pneumatici caratterizzati da un ottimo Equilibrio delle Prestazioni, il risparmio di carburante non va assolutamente a penalizzare le prestazioni (vedi Michelin Pilot Sport 3), successivamente ai giorni d’oggi 80 litri di carburante equivalgono a circa 100€ e, a meno che non possediate una Lamborghini, significa che durante l’acquisto di gomme nuove ne dovreste acquistare solamente 3 (una la regala il risparmio di carburante). Inoltre più litri carburante si risparmiano, meno grammi di anidride carbonica verranno emessi nell’atmosfera: più tutela per l’ambiente in cui viviamo.

 

 

Come è riuscita Michelin ad armonizzare perfettamente queste 3 prestazioni così differenti e così contrastanti? Osservando i grafici sotto risulta che:

 

Per ottenere MINOR CONSUMO abbiamo bisogno di MINOR RISCALDAMENTO

 


 

Al contempo però per ottenere la miglior ADERENZA abbiamo bisogno di un MAGGIOR RISCALDAMENTO

 


 

Michelin è riuscita a far progredire contemporaneamente le tre prestazioni, senza mai sacrificarne una a scapito delle altre. Grazie all’impiego di mescole tecnicamente progredite e grazie all’uso di silice (introdotta da Michelin nel 1992 e successivamente evolutasi sempre più), la casa francese è riuscita a progettare pneumatici all’avanguardia.

 

 

La tecnologia Michelin è riuscita infatti a porre materiali e processi produttivi al centro delle prestazioni:

 

  • Alleggerimento del pneumatico = Minor Consumo
  • Migliore resistenza all’usura = Più chilometri
  • Mescola e silice di ultima generazione = Minor Consumo e più Aderenza

 

Questo significa Equilibrio delle Prestazioni per Michelin, progettare, sviluppare e commercializzare pneumatici in grado di soddisfare a pieno i propri consumatori; fornire prodotti tecnologicamente evoluti e soprattutto in grado di unire Riparmio di Carburante, Durata Chilometrica e Sicurezza.

 

 

A confermare i risultati promessi da Michelin sono inoltre i test effettuati da Dekra e da TUV Sud sui pneumatici 2010, test che a breve Gommeblog.it pubblicherà.

 

I test riguardano i Pneumatici 2010 nelle misure di riferimento per il mercato Europeo:

 

 

I test hanno visto le gomme Michelin confrontarsi con i pneumatici della concorrenza come Bridgestone RE050A, Pirelli PZero, Goodyear Eagle F1 ASYMETRIC, Dunlop Sport Maxx TT, Continental Sport Contact 3 e tanti altri.

 

 

Tu che ne pensi in merito? Scrivilo nel Box commenti qui sotto…..il tuo giudizio è di fondamentale importanza.


Grazie per la lettura da Gomme blog.it


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.