OFFERTE GOMME AUTO: Pneumatici INVERNALI 2020

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2INVERNALE

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP3INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato WinterINVERNALE

Mostra Prezzo

Continental WinterContact TS860INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Hankook Winter icept RS2 W452INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin A4INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Falken Eurowinter HS01INVERNALE

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Goodyear Ultragrip 9INVERNALE

Mostra Prezzo

Nokian WR D4INVERNALE

Mostra Prezzo


AQUAPLANING: effetto che si verifica quando, su strada bagnata i pneumatici perdono aderenza con l’asfalto  e il veicolo inizia a sbandare diventando  ingovernabile. Da qui l’importanza di gomme con un buon battistrada, perché l’effetto citato si può verificare già a 60 km /h se questo non è sufficientemente alto e lo spazio necessario alla  frenata sul bagnato può raddoppiare. Teniamo dunque sotto controllo i solchi principali del pneumatico ,cioè quelli più profondi che corrono lungo tutta la circonferenza della gomma. Un pneumatico ha , infatti, il compito di espellere l’acqua che si interpone tra ruota e il manto stradale; le scolpiture del battistrada “frammentano” il velo d’acqua espellendola  verso i lati del pneumatico, che a 100 km/h drena 5-8 litri d’acqua al secondo.

 

Fattori che determinano l’aquaplaning sono :

 

1 – Lo spessore del velo d’acqua sull’asfalto

 

2 – La velocità del veicolo

 

3 – Il peso del veicolo

 

4 – La larghezza delle gomme (quanto più le gomme sono larghe, tanto più il fenomeno è facilitato perché c’è una maggiore impronta a terra e quindi una maggiore superficie opposta al velo d’acqua)

 

aquaplaning 1

 

Su fondo viscido ideale sarebbe  una vettura pesante con gomme strette (vedi rally), viceversa su fondo asciutto l’ideale è  una vettura leggera con gomme   larghe.

Se il profilo è inferiore a 3-4 mm, e si verifica un incidente, il proprietario dell’auto potrebbe essere ritenuto in parte responsabile e avere seri problemi con l’assicurazione.

Per verificare la corretta profondità del battistrada basta una moneta da un euro. Essa va inserita all’interno di uno dei solchi principali e se la corona dorata è appena coperta dalla gomma o è visibile implica che il profilo è inferiore a 4mm.

 

Cosa Fare per contrastare l’aquaplaning


Quando una vettura va in aquaplaning, per prima cosa bisogna  NON FARSI PRENDERE DAL PANICO!

 

1 – Nessuna reazione brusca

 

2 – Sterzo ben saldo con mani posizionate alle 9 e 15

 

3 – Non rilasciare di colpo l’acceleratore, anzi alleggerire leggermente la pressione sul pedale

 

4 – Mai frenare

 

5 – Finita la pozzanghera che ha causato l’aquaplaning, tutto tornerà alla normalità.

 

aquaplaning 2

 

Nei grafici sotto viene riportato il comportamento della vettura in relazione all’impatto del pneumatico tra battistrada e una pozza d’acqua (Immagine sinistra); inoltre il rapporto tra spazio di frenata ed usura del pneumatico (Immagine destra).

Aquaplaning 1 Aquaplaning 2


IL MIGLIOR RIMEDIO ALL’AQUAPLANING RIMANE LA PREVENZIONE: MODERARE ED ADEGUARE LA VELOCITÀ IN FUNZIONE DELLE CONDIZIONI METEO E STRADALI.


 

GommeBlog ringrazia per la lettura

Immagini: Centro Internazionale Guida Sicura

2 pensieri riguardo “Cosa è il fenomeno dell’Aquaplaning

  • Egregi, nella recenzione da Voi pubblicata sul fenomeno aquaplaning, sono fortemente interessato al grafico sperimentale spessore acqua, velocità del mezzo, battistrada. Appare poco chiara la lettura dei numeri riportati nell’asse verticale della velocità. Vi ringrazio del chiarimento che sono sicuro invierete e porgo i miei saluti.

    • Gentile Sig. Giuseppe, purtroppo l’immagine da Lei indicata ci è stata fornita nelle misure inserite in articolo. Tuttavia ho provveduto a riportare qui sotto altre due immagini che spero Le siano utili

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.