OFFERTE GOMME AUTO: Pneumatici ESTIVI 2019

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Bridgestone Turanza T005ESTIVO

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip PerformanceESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Firestone RoadhawkESTIVO

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01ESTIVO

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 VerdeESTIVO

Mostra Prezzo


Forse è quello che un po’ tutti stavamo aspettando. Sarà un Gran Premio strano e malinconico, ma sicuramente il modo migliore per tirare avanti è ricominciare a correre. Sarà la prima gara senza Marco Simoncelli e l’ultima di Loris Capirossi, mentre per gli altri c’è da onorare la memoria del compagno scomparso cercando di disputare una gara spettacolare e combattuta, come Sic avrebbe desiderato. Intanto oggi si sono tenute le prime due prove libere del Gran Premio della Comunidad Valenciana e, tanto per cambiare, troviamo Casey Stoner davanti a tutti durante la prima sessione. Il suo tempo di 1’45”513 l’ha messo ancora una volta davanti a tutti, mentre alle spalle troviamo il compagno di squadra Dani Pedrosa e, forse un po’ a sorpresa, Valentino Rossi. La Ducati ha sicuramente potuto approfittare delle particolari condizioni dell’asfalto di Valencia. Non a caso dietro al pesarese hanno trovato posto le altre due Ducati di Nicky Hayden e Loris Capirossi, quest’ultimo con il numero 58 sulla livrea.

Sicuramente più densa di sorprese è stata la seconda sessione, che ha visto Alvaro Bautista posizionare la sua Suzuki davanti a tutti gli avversari. Dietro di lui troviamo ancora Nicky Hayden con la Ducati e poi perisno Randy De Puniet. I primi italiani li troviamo al sesto e settimo posto, prima con Andrea Dovizioso e poi con Valentino Rossi, che centra comunque il terzo tempo della combinata. Può voler dire poco, ma è comunque un risultato incoraggiante. Brutta caduta per Ben Spies, che però non dovrebbe avere nessuna conseguenza per il rientrante pilota Yamaha.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.