Milano Autostoriche vince il Tour de Corse Historique

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Tre tappe massacranti su e giù per le stradine corse che hanno visto le gesta dei più famosi campioni di rally di tutti i tempi hanno decretato la vittoria di Eugenio Rossi e Marco Tarenzi su Lancia Flavia 1.8 Coupé del 1966 nella categoria Historique. Già in testa alla fine della prima tappa, Rossi-Tarenzi hanno saputo incrementare prima ed amministrare poi il vantaggio sui diretti inseguitori. L’equipaggio di punta della  Scuderia Milano Autostoriche ha costruito la sua vittoria ottenendo una serie di eccellenti prestazioni nelle 17 prove speciali: tre prove vinte, due volte secondi e quattro volte terzi, su una concorrenza che vedeva un centinaio di equipaggi al via. Oltre all’affermazione nella categoria Historique, Rossi-Tarenzi hanno ottenuto il secondo posto assoluto nella classifica generale assoluta che radunava anche le più moderne vetture “prestige” (post 1981), ad un solo punto di distacco dai francesi Chevalier-Chevalier sulla potentissima Renault R5 Maxi Turbo del 1985.

Degne di nota anche le prestazioni degli altri equipaggi della Scuderia Milano Autostoriche in gara: Silvio e Tiffaney Perlino al volante della Talbot Sunbeam 1.6 del 1981 hanno chiuso al 17° posto, Alessandro Olivieri e Gianandrea Redaelli con la Ford Anglia De Luxe del 1961 al 26° posto, e Fabio e Patrizia Ongari, attardati da noie meccaniche alla Renault Alpine A 110 del 1973, in 54° posizione. Un successo di squadra che ripaga gli sforzi del sodalizio milanese, sempre in luce nelle gare storiche. Gli occhi della Scuderia Milano Autostoriche sono ora puntati ad un altro importante appuntamento internazionale: il Rallye di Montecarlo Historique, che vedrà schierato uno squadrone di undici vetture alla ricerca del bis del successo assoluto del 2011 con la Porsche 911 di Mario Sala e Maurizio Torlasco.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.