Pressione Pneumatici OK, Vacanze più sicure ed economiche

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Secondo un comunicato stampa della Commissione Europea del 28 maggio 2008, circolare con pneumatici correttamente gonfiati comporta un minor consumo di carburante fino al 4%. Può sembrare poco, ma cosa succederebbe se tutti controllassero la pressione dei pneumatici delle loro vetture? Lo ha stimato Federpneus (Associazione Italiana dei Rivenditori Specialisti di Pneumatici), con riferimento ai consumi prevedibili per agosto, mese di esodi, controesodi e vacanze. I risparmi complessivi per tutti gli italiani sarebbero di 43.624.000 litri di benzina e 93.456.000 litri di gasolio, che tradotti in denaro corrispondono ad una minor spesa di 198.567.512 euro. Ma c’è di più: consumando meno si emette anche meno anidride carbonica, la famigerata CO2. In questo caso il risparmio, secondo la stima di Federpneus, in agosto potrebbe essere di 352.356 tonnellate di emissioni in meno.

Quindi, consiglia Federpneus, occorre ricordarsi sempre di controllare la pressione gonfiaggio dei pneumatici, operazione che ovviamente serve anche per migliorare la sicurezza della circolazione. Oltre alla pressione di gonfiaggio, prima di mettersi in viaggio è molto importante controllare anche altri aspetti dei pneumatici, verificando che non siano presenti tagli, abrasioni, rigonfiamenti sospetti, consumi irregolari del battistrada ed altre anomalie, che possono seriamente compromettere l’affidabilità del pneumatico. Un altro aspetto di rilievo da monitorare, sempre ai fini della sicurezza della circolazione, è lo spessore del battistrada. Secondo il codice della strada la profondità degli intagli non deve essere inferiore ad 1,6 mm per gli autoveicoli, ad 1 mm per i motoveicoli ed a 0,50 mm per i ciclomotori. Da non dimenticare, poi, di effettuare questi controlli anche su ruote  e ruotini di scorta, che sono di fondamentale importanza in caso di foratura.

Come si vede si tratta di operazioni piuttosto semplici, ma per eseguirle correttamente sarebbe comunque opportuno l’intervento di un esperto, come un rivenditore specialista di pneumatici, che ha a sua disposizione i sistemi di diagnosi più efficaci per effettuare questi controlli in piena sicurezza stradale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.