Pneumatici: la nuova Etichetta gomme. Conosciamola meglio !!

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Che cos’è l’etichetta europea dei pneumatici? E’ un nuovo Regolamento europeo che introdurrà un’etichetta standard per i pneumatici la quale darà ai consumatori, ai proprietari delle flotte e agli acquirenti professionisti di pneumatici valide informazioni su tre parametri fondamentali delle prestazioni dei pneumatici: la resistenza al rotolamento, l’aderenza sul bagnato, il rumore esterno di rotolamento. L’approccio di quest’etichetta è simile a quello delle etichette energetiche esistenti sugli elettrodomestici come i frigoriferi e le lavatrici. Tuttavia l’etichetta dei pneumatici comprende anche informazioni sulle prestazioni di sicurezza del prodotto.

Qual è lo scopo dell’etichetta dei pneumatici? Lo scopo è migliorare la sicurezza e l’efficienza economica e ambientale del trasporto stradale attraverso la promozione di pneumatici più sicuri, che consumano meno carburante e hanno bassi livelli di rumorosità. Questo regolamento permette agli utenti finali di fare scelte più informate quando acquistano i pneumatici.

Perché sono così importanti i tre indicatori di prestazioni? La resistenza al rotolamento influenza i consumi del veicolo e pertanto ha un impatto diretto sull’ambiente.  L’aderenza sul bagnato è un indicatore fondamentale delle prestazioni di sicurezza di un pneumatico e fornisce informazioni sullo spazio di frenata su strade bagnate. Anche il rumore esterno influenza l’impatto ambientale dei pneumatici. Per Goodyear Dunlop la sicurezza ha sempre avuto la massima importanza.

L’etichetta europea pneumatici mi dice tutto quello che devo sapere? I tre criteri dell’etichetta europea costituiscono un buon punto di partenza e sono considerati molto importanti per la sicurezza e il rispetto dell’ambiente. Tuttavia esistono molti altri criteri importanti, che devono essere presi in considerazione quando si giudicano le prestazioni di un pneumatico. Goodyear Dunlop testa più di 50 criteri quando sviluppa un nuovo pneumatico, come il livello di resistenza all’aquaplaning, le prestazioni di comportamento sull’asciutto e sul bagnato e lo spazio di frenata su strade asciutte – tutti importanti criteri di sicurezza che non sono menzionati nella nuova etichetta europea dei pneumatici.

Questi alcuni consigli che arrivano da Goodyear Dunlop 

  • Chiedete consiglio al vostro rivenditore di fiducia
  • Usate le informazioni fornite nell’etichetta europea del pneumatico
  • Fidatevi della qualità, dell’affidabilità e della reputazione di costruttori di pneumatici famosi
  • Guardate i risultati dei test indipendenti effettuati sui pneumatici
  • Scegliete i pneumatici in base alle vostre esigenze e alla vostra situazione personale

Quali sono i vantaggi per l’utente finale? L’introduzione di un’etichetta standard per i pneumatici offre agli utenti finali, ai proprietari delle flotte e ai rivenditori di pneumatici l’accesso a informazioni obiettive, affidabili e confrontabili su tre importanti parametri del pneumatico. Goodyear Dunlop ritiene che la nuova etichetta aiuterà gli utenti finali a prendere decisioni d’acquisto più informate, che tengono conto di aspetti che hanno un impatto importante sulla sicurezza stradale, come le prestazioni del pneumatico sul bagnato e il livello di resistenza al rotolamento, che spiega i vantaggi economici e ambientali. Tuttavia, l’etichetta del pneumatico non copre tutti i criteri importanti delle prestazioni.

Quali sono i vantaggi per l’Unione europea e per i singoli paesi? L’etichetta per i pneumatici punta non solo a migliorare la sicurezza e le prestazioni dei veicoli sulle strade europee, ma anche a contribuire ad aumentare l’efficienza energetica dei veicoli del 20% e a ridurre le emissioni di CO2 del 20% entro il 2020.

Quando i costruttori di pneumatici introdurranno la nuova etichetta? Il regolamento europeo stabilisce che le  informazioni sulla resistenza al rotolamento, l’aderenza sul bagnato e le prestazioni di rumorosità siano disponibili al più tardi il entro il 1° novembre 2012 per i pneumatici prodotti a partire dal 1° luglio 2012.  I costruttori di pneumatici possono adottare l’etichetta prima della data obbligatoria. Tuttavia, i requisiti di aderenza sul bagnato non sono stati ancora definiti dal regolamento per i veicoli commerciali leggeri e per i veicoli pesanti, perché quando è stato adottato questo regolamento non esisteva un metodo di test disponibile. Questi metodi di prova dovrebbero essere adottati alla fine del 2011 in un nuovo regolamento.

Il nuovo regolamento definirà anche quando ai costruttori di pneumatici è permesso adottare la nuova legislazione prima del novembre 2012.  A partire da questa data di attuazione anticipata, i costruttori di pneumatici potranno anche comunicare la classificazione specifica che apparirà sull’etichetta dei loro prodotti.

Quali pneumatici devono riportare le informazioni dell’etichetta europea? Le categorie di pneumatici interessate dalla nuova legislazione sono i pneumatici di classe C1 (autovetture), C2 (veicoli commerciali leggeri) e C3 (veicoli pesanti). Le seguenti categorie sono escluse dall’ambito di applicazione dell’etichetta dei pneumatici:

  • Pneumatici ricostruiti
  • Pneumatici fuoristrada professionali
  • Pneumatici da corsa
  • Pneumatici chiodati (pneumatici chiodabili, se sono senza chiodi sono inclusi)
  • Pneumatici di scorta ad uso temporaneo
  • Pneumatici progettati per essere montati sui veicoli immatricolati per la prima volta anteriormente al 1° ottobre 1990
  • Pneumatici di categorie di velocità inferiori a 80 Km/h
  • Pneumatici il cui diametro nominale non superi 254 mm oppure sia pari o superiore a 635 mm
  • Pneumatici moto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.