PREZZI E OFFERTE PNEUMATICI INVERNALI 2022

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin CrossClimate 2ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter 2ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Continental WinterContact TS870INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Goodyear Ultragrip 9INVERNALE

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP3INVERNALE

Mostra Prezzo

Hankook Winter icept RS2 W452INVERNALE

Mostra Prezzo


Nel 2018, il 69% degli automobilisti italiani ha dichiarato di aver effettuato almeno una visita dal gommista nei 12 mesi precedenti: per il 49% si era trattato di un intervento di manutenzione (il 30% per la sostituzione stagionale, il 19% per manutenzione generica) mentre il 51% in quel periodo di tempo aveva effettuato anche un acquisto di pneumatici.

Lo evidenzia una ricerca Nielsen commissionata da Driver – la rete di rivenditori specializzati Pirelli – che ha sottoposto alcune domande a un campione rappresentativo di automobilisti italiani. La stessa ricerca ha anche sottolineato come, fra i top 5, Driver sia il network di gommisti che ha conquistato più notorietà nel nostro Paese, essendo passato dal 14% nel 2014 al 39% nel 2018; inoltre, il 91% di coloro che per l’ultima manutenzione degli pneumatici sono stati in un centro Driver ha sottolineato la volontà di tornarci in futuro.

Numeri presentati alla convention annuale Driver a Malta, cui hanno partecipato 380 specialisti del pneumatico appartenenti alla rete.

Come scegliere pneumatici e gommisti? 1

Come scelgono gomme e gommista gli italiani?

L’indagine ha mostrato che, per scegliere il gommista giusto, se nel 2016 il passaparola tradizionale valeva il 50%, nel 2018 è sceso al 46% mentre Internet è cresciuto dal 42% al 44%. Come fonte d’informazione, crescono anche i media tradizionali, passati dal 18% al 24%. Lo stesso trend, ma in modo più accentuato, si ritrova anche nel criterio di scelta degli pneumatici: il passaparola è sceso dal 35% al 33% mentre Internet è passato dal 53% al 58%. Balzo in avanti dei media tradizionali che sono passati dal 21% al 34%. Aumenta anche la fiducia verso il gommista che diventa determinante per la scelta del treno di gomme nel 34% dei casi.

Nel dettaglio, quando per la decisione su quali pneumatici acquistare la fonte d’informazioni è rappresentata da Internet, crescono dal 22% al 26% la fiducia verso il sito del produttore stesso e dal 20% al 29% le ricerche sui motori come Google. Fra i media tradizionali, invece, appare decisamente cresciuta l’importanza delle riviste specializzate (dal 12% al 17%) come quella dei quotidiani (dal 3% al 5%). Anche i programmi televisivi specializzati hanno acquisito più credito, salendo dal 2% al 7%.

“Questi dati – spiega Claudio Zanardo, amministratore delegato Driver – ci dicono innanzitutto che il canale di vendita tradizionale è ancora il preferito dagli automobilisti italiani che ricercano nella consulenza di uno specialista la risposta più efficace al loro bisogno. Inoltre, siamo lieti che i giornali stiano conquistando terreno come ausilio nella scelta, significa che gli automobilisti cercano informazioni qualificate e pneumatici di qualità e non solo”.

La convention a Malta, sotto al claim #iosonodriver, è stata l’occasione per un resoconto sui pilastri principali della strategia Driver: il livello del servizio, l’importanza del marchio e l’integrazione fra azienda e network. Inoltre, sono stati anticipati i filoni che vivranno il maggior sviluppo nel 2019, in particolare il piano di marketing e comunicazione e i progetti formativi rivolti ai 440 negozi presenti sul territorio italiano.

Il marchio Driver si è evoluto nel tempo, iniziando nel 2013 un processo di rinnovo della propria immagine e portando avanti grandi iniziative tra cui la partnership con F.C. Internazionale Milano, la messa in onda nel 2017 del primo spot televisivo istituzionale e la campagna radio e videostrategy social del 2018. Oggi il brand Driver rappresenta un’offerta definita e ben precisa capace di trasmettere al consumatore finale i valori di competenza, professionalità, affidabilità e qualità.