BMW Z4 By Anabolicar Magazine, cerchi OZ Racing per gestire 265 CV

OFFERTE GOMME AUTO: Pneumatici ESTIVI 2019

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Bridgestone Turanza T005ESTIVO

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip PerformanceESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Firestone RoadhawkESTIVO

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01ESTIVO

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 VerdeESTIVO

Mostra Prezzo


I responsabili del magazine si sono dati da fare per inserire in questo progetto alcuni dei migliori elementi dei laboratori di tuning che avevano a disposizione, creando un misto di marche e loghi che ha senza dubbio giovato alla varietà del risultato finale. Gli esterni sono stati dipinti con una decorazione bicromatica nera e verde, abbastanza d’effetto se piace il genere, rifinita da KK-Cocoon. Le dotazioni meccaniche partono già da un’ottima base, dato che è incluso il pacchetto della Divisione M. A questo il magazine ha aggiunto un set di nuove sospensioni della KW, un sistema di scappamento fornito dalla Eisenmann, uno chassis ribassato sempre dalla produzione ufficiale della divisione M e, per concludere, un elegante set di cerchi in lega neri da 19 pollici della OZ Racing.

Sotto al cofano troviamo un propulsore a sei cilindri da 3.0 litri, in grado di produrre una potenza che può arrivare fino a un picco di 265 Cv. Non è una potenza mostruosa, ma per un’auto di queste dimensioni si tratta già di un ruggito da non sottovalutare. Abbastanza almeno per poter essere esposta al Salone di Essen 2011, uno dei più importanti motor show di tuning del mondo. Il risultato, alla fine, è davvero intrigante e non ci saremmo dovuti aspettare nulla di meno da un progetto condotto da uno dei più grandi magazine di auto della Germania.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.