Formula 1 2012: I pneumatici Pirelli P Zero F1 protagonisti dei test a Jerez

OFFERTE GOMME AUTO: Pneumatici INVERNALI 2019

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2INVERNALE

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP3INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato WinterINVERNALE

Mostra Prezzo

Continental WinterContact TS860INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Hankook Winter icept RS2 W452INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin A4INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Falken Eurowinter HS01INVERNALE

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 6INVERNALE

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Alpin 5 SUVINVERNALE

Mostra Prezzo

Goodyear Ultragrip 9INVERNALE

Mostra Prezzo

Nokian WR D4INVERNALE

Mostra Prezzo


Il nuovo pneumatico P Zero White medium è stato il più utilizzato, con 1776 giri e 91 set impiegati, seguito dal nuovo P Zero Yellow soft con 1010 giri e 57 set e dal P Zero Silver hard con 594 giri e 33 set totali. Anche se i nuovi pneumatici Pirelli wet Cinturato Green intermediate e Cinturato Blue rain sono entrambi stati portati in Spagna, l’assenza totale di piogge non ha reso possibile il loro utilizzo su pista, nonostante le temperature ambiente molto rigide, con minime che hanno toccato i -2° centigradi. Gli pneumatici 2012 hanno mostrato un andamento in linea con le aspettative a Jerez, sebbene sia stato difficile trarre conclusioni sulla performance relativa, poiché la maggior parte delle squadre ha provato le nuove auto in differenti fasi di sviluppo.

Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli: “Le performance delle nostre gomme qui a Jerez si sono rivelate assolutamente in linea con le nostre aspettative, e finora abbiamo avuto una reazione molto positiva da parte dei piloti e delle squadre, che generalmente hanno segnalato una maggiore aderenza al posteriore, meno “marbles” e una ridotta differenza di tempo sul giro tra le mescole, così come una più veloce la prestazione globale, il che è proprio quello che volevamo. Siamo soddisfatti del livello di degrado e non abbiamo avuto problemi di sorta, proprio come l’anno scorso. Tuttavia, siccome le temperature a Jerez sono state davvero molto basse e le squadre si sono concentrate molto anche su altre aree di sviluppo rispetto agli pneumatici, è troppo presto per trarre conclusioni dettagliate. Vedremo meglio il lavoro di sviluppo sulle gomme al prossimo test a Barcellona, in quanto insieme ai Team riusciremo a comprendere appieno le implicazioni del nuovo regolamento. Tuttavia, il fatto che tutti e tre i nostri pneumatici slick a disposizione abbiano stabilito il loro miglior tempo, è un chiaro segno che siamo sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi.”

Lotus Kimi Raikkonen, che lo scorso annno ha guidato i pneumatici Pirelli nel World Rally Championship 2010, ha impostato il ritmo nel giorno di apertura dei test, con uno spettacolare ritorno in Formula Uno grazie ad un tempo di 1m19.670s, stabilito sul nuovo P Zero White medium. Le Mercedes, nei rispettivi assetti 2011, sono state le più veloci durante il secondo e il terzo giorno, con Michael Schumacher che il secondo giorno ha abbassato il tempo di riferimento a 1m18.561s con il nuovo P Zero Silver hard e Nico Rosberg che nel corso del terzo giorno ha impostato un tempo di 1m17.631s con la P Zero Yellow soft: il miglior tempo in assoluto dei quattro i giorni di test.

I test di Jerez si sono conclusi con Fernando Alonso che con la sua Ferrari equipaggiata P Zero Yellow soft ha stabilito il tempo della quarta giornata con 1m18.877s

Nel confronto tra il nuovo P Zero White medium e il nuovo P Zero Silver hard nel il primo giorno, è emersa una differenza compresa tra 0,4 e 0,5 secondi, con una migliore aderenza e una minore usura in particolare nella parte posteriore.Il pilota che ha compleatato il maggior numero di giri a Jerez è stato Kimi Raikkonen, che nel corso dei soli primi due giorni ha collezionati 192 giri complessivi con le mescole soft, medium e hard: quasi l’equivalente di tre Gran Premi. La maggior parte delle squadre ha iniziato i test con run corti, prima di provare run più lunghi e simulazioni di gara, man mano che ampliavano i loro programmi di sviluppo. I tempi migliori registrati in tutti i quattro giorni hanno ampiamente migliorato quelli dell’anno scorso sempre a Jerez, in cui Rubens Barrichello su Williams è andato più veloce con un tempo di 1m19.832s.

I NUMERI DEI TEST

  • Numero totale di sets portati a Jerez: 294 equivalenti a 1.176 pneumatici, di cui: – P Zero Yellow Soft: 71 set
  • P Zero White Medium: 105 set
  • P Zero Silver Hard: 43 set
  • Cinturato Green Intermediate: 38 set
  • Cinturato Blue Wet: 37 set
  • Numero complessivo di set utilizzati: 181
  • P Zero Yellow Soft: 57 set
  • P Zero White Medium: 91 set
  • P Zero Silver Hard: 33 set
  • Cinturato Green Intermediate: 0 set – Cinturato Blue Wet: 0 set
  • Run più lungo 26 giri con P Zero Silver Hard
  • 27 giri con P Zero White Medium
  • 20 giri con P Zero Yellow Soft
  • Temperatura ambiente massima/minina registrata nei quattro giorni: 20 °C / -2 °C
  • Temperatura dell’asfalto massima/minina registrata nei quattro giorni s: 26 °C / 0 °C

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.