Camper e sicurezza: servono norme chiare circa materiali e costruzione

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Le norme che regolano l’impiego di materiali nella costruzione dei camper sono precise e vengono seguite dai costruttori ma, al momento, mancano leggi che definiscano con chiarezza le regole antincendio che devono essere applicate in relazione alla marcia e alla sosta di mezzi che sono, a tutti gli effetti, veicoli circolanti ma anche strutture abitative. Il problema della sicurezza dei camper sul delicato versante della vulnerabilità all’incendio è stato affrontato anche con ordinanze specifiche emanate dai vigili del fuoco (Livorno è stato un caso emblematico), poi superate grazie ad un’attenta valutazione delle norme, ma esistono lacune che devono essere colmate così come richiedono gli utenti di mezzi molto sofisticati che ogni proprietario desidera utilizzare al meglio ed in assoluta sicurezza.

La Federazione Nazionale, A.C.T.Italia, interpretando le aspettative sia degli associati che della grande comunità dei camperisti italiani ha voluto contribuire a far chiarezza sulle norme che definiscono i parametri di sicurezza antincendio relative ai camper con un convegno dal titolo “Sicurezza e veicoli abitativi” che si è tenuto a CarraraFiere sabato 21 gennaio nell’ambito di Tour.it, l’annuale salone del turismo itinerante che ha visto una folta presenza di camperisti ma anche di esperti che, come l’avvocato Adarosa Ruffini (docente all’Università di Pisa) hanno contribuito a chiarire il panorama normativo che non coinvolge solo l’impiantistica dei mezzi ma anche i diritti soggettivi dei proprietari. Dopo la relazione iniziale di Pasquale Zaffina, presidente di A.C.T.Italia che ha ripercorso, con dovizia di particolari e di spiegazioni tecniche e giuridiche le motivazioni che hanno portato al convegno, è stato grazie al contributo di relatori come Ivano Roveda, Presidente della Commissione Tecnica UNI “sicurezza della società e del cittadino” e Giuseppe Giuffrida preidente dell’associazione Zenital, che sono stati chiariti i tanti aspetti della sicurezza dei camper.

Nel corso degli interventi è emerso con chiarezza che, ad oggi, manca una specifica normativa relativa alle norme di sicurezza che i mezzi devono osservare durante la sosta che in alcuni pesi europei è stata già adeguatamente regolamentata.

Finalmente abbiamo avuto la possibilità di individuare le lacune legislative attraverso un confronto con esperti di altissimo livello – ha dichiarato il presidente Zaffina a conclusione dell’incontro – ed è emerso con chiarezza che ogni veicolo viene omologato in base alle norme esistenti che possono, e devono, essere aggiornate. Abbiamo fatto richiesta alla Commissione Tecnica di Unificazione nell’Autoveicolo (CUNA) di essere presenti come rappresentanti dell’utenza per dare il nostro contributo alle definizione di norme per che riguarderanno sia i materiali utilizzati nella costruzione sia i sistemi di sicurezza all’interno dei mezzi. È il primo passo per procedere, sempre con la nostra disponibilità, anche alla stesura di norme che dovranno riguardare la sicurezza dei veicoli sia in marcia sia durante le soste. È un passo importante – ha concluso Zaffina – per scrivere norme chiare che devono avere un solo obiettivo: tutelare gli utenti e consentire ai costruttori di realizzare mezzi sempre più sicuri. Potrebbe essere questa un’operazione economica vincente per i costruttori che sapranno investire in ricerca e innovazione per mettere sul mercato mezzi ancora più sicuri nel prossimo futuro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.