OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Michelin lancia un nuovo pneumatico moto dalla longevità ineguagliata. I test indipendenti* realizzati negli Stati Uniti su una Harley-Davidson Electra Glide Classic lo dimostrano: lo pneumatico posteriore Michelin Commander II può percorrere fino a 40 000 km. È praticamente il doppio in rapporto ai concorrenti diretti. La longevità dello pneumatico anteriore è ancora superiore. Michelin Commander II introduce così un nuovo standard nel campo della longevità senza scendere a compromessi in termini di grip sul bagnato, maneggevolezza e stabilità. Ancora una volta, l’equilibrio delle prestazioni dimostra la strategia di Michelin in materia di ricerca e sviluppo: una prestazione non è mai ottenuta a scapito di un’altra.

Per risolvere il problema principale dei motociclisti custom, la longevità, particolarmente sul retro, gli ingegneri del Centro di Tecnologia Michelin di Ladoux, vicino alla propria fabbrica a Clermont-Ferrand (Francia), hanno sviluppato una nuova mescola. La carcassa di questo nuovo pneumatico radiale si avvale della Silica Rain Technology (SRT), che integra la silice nella mescola del battistrada. Inoltre, la scultura di Michelin Commander II è stata concepita per evitare qualsiasi forma di usura irregolare. L’architettura esclusiva di Michelin Commander II conferisce maneggevolezza e stabilità. La carcassa ad alta densità di questo pneumatico, più rigida, favorisce la maneggevolezza, mentre le tele di sommità in fibra di aramide dello pneumatico posteriore conferiscono resistenza e leggerezza per una perfetta stabilità, anche a velocità elevata. Infine, la scultura inedita di questo nuovo pneumatico beneficia di numerosi canali longitudinali che favoriscono l’evacuazione dell’acqua per ottenere un’eccellente aderenza su terreno bagnato.

Da settembre, questo pneumatico è disponibile in 13 dimensioni. Altre due saranno in vendita all’inizio dell’anno prossimo.

*: Test realizzati su strada negli USA da un’organizzazione indipendente, Texas Test Fleet (900 N. Transportation Devine, TX. 78016), in marzo-aprile 2011, con una Harley-Davidson® Electra Glide® Classic (2010). I risultati di MICHELIN Commander II sono stati messi in relazione con METZELER ME880 e DUNLOP D407/D408 nelle dimensioni 130/80 B 17 (anteriore) e 180/65 B 16 (posteriore). I risultati possono variare in funzione del tipo di veicolo e delle condizioni d’uso.

3 pensieri riguardo “Michelin Commander 2: nuovo pneumatico moto custom che fa 40.000 Km

  • Sono un felice possessore di Un Harley Rod King 2009 con la quale ho percorso 140.000 km di cui gli ultimi 40.000 con i Michelin Commader 2. Mentre il pneumatico anteriore è liscio anche sui fianchi, quello posteriore ha ancora 5mm di battistrada al centro confermando quello che dice la prova americana. Di norma mi è sempre successo il contrario. Peccato per il pneumatico anteriore a causa del quale devo cambiare il treno di gomme.
    Ciao e tanta strada a tutti.

      • Anche se in ritardo, ti comunico che, compatibilmente con una guida normale, non ho mai avuto problemi sia sul bagnato e tantomeno sull’asciutto anche perché il (lo?) pneumatico non ha avuto il tempo di indurirsi dal momento che ho percorso Km 40.000 in meno di un anno e mezzo. Risulta ovvio che, quando il battistrada è al limite, il bagnato, come con qualsiasi pneumatico, va evitato o guidato con grandissima attenzione (come sulle uova). Ciao e tanta strada in allegria.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.