Morte di Marco Simoncelli: non è colpa dell’elettronica

OFFERTE GOMME AUTO: Pneumatici ESTIVI 2019

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Bridgestone Turanza T005ESTIVO

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip PerformanceESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Firestone RoadhawkESTIVO

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01ESTIVO

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 VerdeESTIVO

Mostra Prezzo


In seguito al tragico incidente in cui ha perso la vita Marco simoncelli, ingegneri e tecnici Honda hanno avuto modo di analizzare i dati provenienti dalla centralina elettronica della moto di Sic. Hokobu ingegnere Honda HRC, dichiara che la colpa del tragico incidente non è da imputarsi all’elettronica della moto: la Honda di Simoncelli, stando a quanto rilevato, aveva l’acceleratore totalmente chiuso nel momento in cui ha ritrovato aderenza, aderenza che ha provocato il taglio improvviso di traiettoria portando Marco davanti alle moto di Rossi ed Edwards, che purtroppo non hanno potuto fare nulla. Queste le parole riportate a SportMediaset.it:

L’acquisizione dati che abbiamo verificato indica che si è trattato di una vera fatalità. La moto di Marco ha perso aderenza davanti e dietro contemporaneamente, tendendo a partire verso l’esterno della curva. Marco ha provato a raddrizzarla, a tenerla su, fino a quando le due gomme hanno ripreso aderenza. Era a gas completamente chiuso e in questa condizione nessuna strategia elettronica interviene. Le gomme che riprendono grip improvvisamente hanno ulteriormente sbalzato il pilota verso l’interno della curva e il manubrio girato verso destra con Marco appeso, ha fatto sì che la moto continuasse la sua traiettoria verso l’interno della pista.

Fonte: Omnicorse

2 pensieri riguardo “Morte di Marco Simoncelli: non è colpa dell’elettronica

  • Le mie più sentite Condoglianze alla Famiglia Simoncelli.
    Non sono ne un collaudatore,ne un tecnico,ma non mi ritengo uno stupido,sono un appassinato di moto e motociclista da circa trenta anni,quindi no per presunzione o altro mi si voglia infinocchiare che la morte di Marco non è attribuibile all’ elettronica,quando leggendo alcuni commenti dei Grandi Tecnici, affermano che la manopola del gas prima dell’ incidente era chiuso,quindi la centralina non poteva intervenire,quando nell’immagini video si nota pefettamente che dopo aver effettuato i due quarti di curva,sull’asfato rimaneva una righa nera di circa dieci metri.La paura di non voler ammettere la causa, va nascosta sempre per il solito motivo di interessi, ed altro nascosto, dietro a tutto e tutti…secondo VOI!!!!
    Le centraline secondo me, devono solamente compensare una eventuale carburazione in gara,nell’eventualità di cambio temperatura,e NO compensare gli errori o forzature dei piloti,per ottenere un risultato,esso rientra nel gergo del MANICO e non della tecnologia.
    Lasciatemi per favore almeno questo sport fuori da affari di ogni tipo e ridate la possibilità,solamente ai PILOTI di esprimersi con la loro inventiva, per quello che sanno fare.
    Ridatemi uno spettacolo vero e puro,evitando inutili morti. Grazie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.