Nuovi eco-contributi pneumatici, confusione e incertezza nelle regole

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Come previsto dai nuovi decreti ministeriali, stanno arrivando i nuovi eco-contributi che occorrerà pagare sull’acquisto dei pneumatici. Si tratta di importi stabiliti e fissi, che varieranno unicamente in base ad alcune indicazioni del Ministero e dal tipo di veicolo utilizzato. Gli automobilisti in linea generale potranno stare abbastanza tranquilli, perché per le autovetture normali non è previsto alcun aumento superiore ai 3 €. Una cifra tutto sommato spendibile, anche in caso di cambio di tutto il treno di gomme. I prezzi saliranno parecchio solamente per quanto riguarda i mezzi pesanti, che in alcuni casi potranno registrare aumenti di ben 326 € netti. Fortunatamente la cosa non ci riguarda nella vita di tutti i giorni, ma nonostante questo c’è ancora poca chiarezza su alcune regole e modalità di pagamento di questi eco-contributi.

Il problema riguarda proprio la data di inizio del pagamento degli eco-contributi. La legge prevede che questo sovrapprezzo venga applicato a tutti i pneumatici che non sono stati acquistati dai gommisti prima del 7 settembre scorso. Ciò significa che tutte le giacenze che erano disponibili in quel momento non dovranno pagare questa tassa supplementare, dato che non si tratta di un aumento a scopo di lucro, ma di una semplice copertura per le spese di smaltimento. Ciò significa che se i gommisti non hanno pagato prima per questo smaltimento, allora i clienti non devono rifondere nulla. Solamente per i pneumatici arrivati in stock dal 7 settembre in avanti si paga e applica l’eco-contributo. Giovanni Corbetta, direttore generale di Ecopneus, ha già provveduto a sollecitare il Ministero per trovare una soluzione a questo problema, dato che ancora non esiste una vera tracciabilità tra fatture d’acquisto e pneumatici singoli.

Foto: Steven Hromnak via Flickr

Un pensiero riguardo “Nuovi eco-contributi pneumatici, confusione e incertezza nelle regole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.