Rainforest Challenge 2013: Sognando la Malesia e la sua foresta pluviale

TOP SCONTI e OFFERTE sulle Migliori IDROPULITRICI - Agrieuro.com

MODELLO

PRESSIONE

PREZZO

IDROPULITRICI BATTERIA70-110 bar

Mostra Prezzo

IDROPULITRICI PICCOLE100-140 bar

Mostra Prezzo

IDROPULITRICI HOBBISTICHE120-160 bar

Mostra Prezzo

IDROPULITRICI SEMI PROFESSIONALI130-180 bar

Mostra Prezzo

IDROPULITRICI PROFESSIONALI150-200 bar

Mostra Prezzo


Sognando la Malesia e la sua foresta pluviale. Chi vince le selezioni europee del “Rainforest Challenge 2013”, la massacrante gara che si terrà a fine anno in Malesia, ha in premio la partecipazione gratuita. Così, per tre giorni dal 22 al 24 marzo, 26 equipaggi, alcuni dei quali provenienti dall’estero, Austria, Belgio e Slovenija, si sono dati battaglia immersi nel fango fino alla cinta dei pantaloni, si sono arrampicati con il loro 4×4 su ripidi pendii e per farlo hanno dovuto usare i verricelli.

Rainforest Challenge 2013 - 5

Alla fine, stanchi, quasi stremati, 22 sono riusciti nella certo non facile impresa di concludere la gara svoltasi tra Farra d’Isonzo e Gorizia con base d’appoggio per le iscrizioni, le assistenze e le premiazioni la splendida Tenuta Borgo Conventi. Quindici sono state le prove speciali “extreme” che componevano questa impegnativa gara dove le valutazioni non erano frutto primario della velocità ma, bensì, dell’abilità di pilota e navigatore nell’affrontare percorsi al limite della praticabilità. Alla fine delle tre giornate, molta gioia per i vincitori delle due categorie in cui erano divisi i mezzi: “preparati” e “speciali”.

Nella prima ha vinto l’equipaggio friulano del G.F.I. Alpe Adria composto da Marco Zanuttini (pilota) e Ivaldi Calligaris (navigatore), team ZC Manzano. Secondo l’equipaggio lombardo composto dagli Andrea Alfano e Roberto Munitello, terzi gli emiliani Alessandro Rossi e Filippo Bortolotti. Nella categoria “speciali”, ritiratisi per rottura meccanica nell’ultimo giorno di gara i favoriti belgi Axel Buhrman e Tom Olieslagers, la vittoria è andata al lombardo Francesco Nano su un prototipo “doc crawler” navigato dal triestino Sebastian Casagrande.

Alle loro spalle, gli austriaci Bernhard e Heinz Feeberger e terzi l’equipaggio Tadini – Tiengo. La manifestazione, sotto l’egida di Fiamma Fuoristrada, è stata organizzata dalla Sezione Sant’Andrea del G.F.I. Alpe Adria ed ha avuto come sponsor la Coopertires e molte aziende vitivinicole dell’Isontino.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.