F1: In Corea previsti due pit stop per uno dei più Gran premi più caldi della stagione

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Le condizioni atmosferiche sono state molto più calde rispetto allo scorso anno, con una temperatura ambientale di 21 gradi centrigradi ed una temperatura della pista che ha sfiorato i 31 gradi. Il tracciato presenta una gran varietà di caratteristiche: una parte veloce ed aperta all’inizio del giro seguita da un tratto più stretto e tecnico che ricorda più un circuito stradale. Come d’abitudine, nelle prove libere le squadre si sono concentrate sulla raccolta di quanti più dati possibile in vista delle qualifiche e della gara. Nella prima sessione, i Team hanno corso unicamente con la mescola più dura, utilizzando in genere un solo set di P Zero yellow soft per far saggiare alle monoposto le caratteristiche uniche del circuito di Yeongam. Nel pomeriggio, con condizioni più vicine a quelle di qualifiche e gara, hanno poi testato anche la gomma rossa supersoft. La priorità era quella di raccogliere informazioni con le monoposto sia cariche che scariche di carburante, al fine di stabilire il grado di usura e i punti di crossover: parametri fondamentali per la strategia di gara.

Al mattino, il pilota della McLaren Lewis Hamilton è stato il più veloce con il P Zero giallo con un tempo di 1m39.148s: eclissando comodamente i tempi delle FP1 registrati nelle due passate edizioni del Gp di Corea (anche se l’anno scorso le prove libere furono condizionate dalla pioggia). L’attuale leader del Mondiale, Fernando Alonso, è stato il più veloce per gran parte della prima sessione; Hamilton ha, infatti, impostato il suo miglior tempo solo alla fine. Tendenza proseguita anche nel pomeriggio con il miglior tempo di 1m38.832s messo a segno dalla Red Bull di Sebastian Vettel, più veloce con le gomme supersoft rispetto allo scorso anno (quando la seconda sessione di prove libere si corse sul bagnato).

Il pilota Jean-Eric Vergne della Toro Rosso è stato il primo a montare le supersoft dopo mezz’ora dall’inizio della seconda sessione, quando i piloti iniziavano a valutare la reazione della gomma dopo i primi giri veloci: spingendo sul primo giro per poi diminuire la velocità nel giro successivo e verificare così la possibilità di mantenere il ritmo con pneumatici usati. Negli ultimi 40 minuti e a metà della sessione, la maggior parte degli apripista ha montato i P Zero Red supersoft, con Vettel che ha impostato il suo miglior tempo dopo un’ora dell’inizio della seconda sessione di prova, davanti al suo compagno di squadra Mark Webber.

Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli, ha commentato: “Quest’anno la mescola soft è più morbida di quanto non fosse nel 2011 e le temperature coreane sono più elevate dello scorso anno: questo pone ai nostri pneumatici una grande sfida. In particolare, le supersoft dovranno affrontare i carichi di energia più elevati di tutta la stagione. Le squadre hanno elaborato programmi in linea con quanto avevamo previsto: mescola più dura al mattino e più morbida nel pomeriggio. A differenza dello scorso anno, prevediamo bel tempo per tutto il weekend e, probabilmente, sarà il più caldo GP di Corea corso finora, quindi i dati raccolti oggi avranno un’importanza cruciale per le qualifiche e la gara. Ci aspettiamo una gara a due soste, con un divario tra le due mescole di mezzo secondo. Questo potrebbe offrire numerose opportunità di strategia”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.