Pirelli: Soft e Supersoft per i carichi di benzina più alti dell’anno nel Gp di Singapore

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Il circuito di Marina Bay ospita una delle gare più particolari e dure dell’anno, e per i Team è stato  fondamentale poter raccogliere oggi quante più informazioni possibile relative sia alle P Zero Yellow soft sia alle P Zero Red supersoft con diversi carichi di benzina.

Domenica le monoposto inizieranno la gara con il più alto carico di carburante dell’anno – oltre 160 kg – e andranno avanti per quasi due ore, il che significa che il bilanciamento della vettura si modificherà drasticamente nel corso del Gran Premio. Questo ha un grande effetto sul modo in cui ogni vettura utilizza le gomme, quindi oggi l’obiettivo delle squadre è stato quello di girare il più a lungo possibile su entrambe le mescole portate da Pirelli, le più morbide (e più veloci) della sua gamma F1. Al termine della seconda sessione di prove libere i Team principali hanno preferito girare con gomme supersoft e con elevati carichi di benzina: simulando la configurazione con la quale è probabile inizieranno la gara domenica.

A differenza di altri circuiti, le temperature ambientali e di pista sono rimaste invariate: intorno ai 28 gradi centigradi per tutta la seconda sessione, nella quale il pilota Red Bull, Sebastian Vettel, ha fatto registrare il miglior tempo finora con un benchmark di 1m48.340s sulle supersoft. Vettel è stato tre decimi di secondo più veloce rispetto al secondo classificato della seconda sessione, il pilota McLaren Jenson Button. Le alte temperature e l’umidità costante a Singapore comportano un significativo degrado termico: la gestione ottimale delle gomme consisterà nel portarle in temperatura rapidamente e mantenerle nella corretta finestra di funzionamento senza surriscaldarle, in particolare nei tratti dove è richiesta molta trazione e nelle zone di frenata. Prima dell’inizio delle prove libere  è caduta una forte pioggia che ha lasciato la pista umida. Nella prima sessione molti piloti sono usciti con le intermedie, Cinturato Green (sulle quali Alonso ha fatto registrare il migliore tempo), altri invece hanno preferito le gomme da bagnato, Cinturato Blue. Il circuito si è poi asciugato abbastanza in fretta per fare spazio alle P Zero Yellow soft con le quali Sebastian Vettel ha fatto segnare il tempo migliore di 1m50.566 s, con Lewis Hamilton a meno di un decimo di secondo . Nessuno ha usato le supersoft nella prima sessione. Le P Zero Red supersoft hanno fatto la loro prima apparizione con la Toro Rosso di Jean-Eric Vergne nella seconda parte delle libere, nelle quali progressivamente i diversi piloti hanno abbandonato le prime per le option.

Il direttore Motorsport Paul Hembery, ha commentato: “Come sempre Singapore ci ha regalato uno spettacolare avvio del week-end di gara con la pioggia che ha accresciuto la complessità di questa pista.  Ciò nonostante abbiamo assistito a numerosi long run nel corso della serata che hanno consentito l’accumulo di dati sui diversi carichi di benzina. Ci possiamo aspettare tra i due e i tre pit-stop durante la gara, ma molto dipenderà dalle apparizioni della safety car che tradizionalmente è una protagonista su questo circuito.  Le differenze di tempo tra le due mescole è intorno a 1.5 secondi al giro, mentre il degrado incide con 0,3 secondi al giro per le supersoft e di 0,1 secondi pe rle soft. Queste differenze consentiranno un’ampia varietà di strategie. La partenza con un elevato carico di benzina aumenta le opzioni a disposizione dei Team che potrebbero scegliere di partire con le gomme più dure quando la vettura è più pesante. A giudicare dalla varietà di programmi provati oggi, direi che i Team stanno approcciando la gara  con molta flessibilità. Abbiamo notato molte novità sulle vetture, il che accrescerà la competizione ”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.