Come evitare l’aquaplaning: cosa fare quando si guida sotto lo pioggia

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

L’acqua sulla strada è fonte di pericolo: Pronti ad accogliere le strade autunnali, anche in condizioni meteo inclementi. Le strade piene d’acqua rendono l’automobilista suscettibile al pericolo di aquaplaning.

Fortunatamente, alcune semplici precauzioni assicurano viaggi in auto più sicuri e spensierati.

L’aquaplaning trasforma l’automobilista in passeggero: L’aquaplaning è una minaccia reale con condizioni meteo da fine estate o autunnali. Quando il battistrada non riesce a rimuovere l’acqua dallo spazio tra lo pneumatico e la strada, questa forma una specie di cuscinetto sotto la gomma. Gli pneumatici perdono dunque aderenza, e l’automobilista non riesce più a controllare il veicolo.

 

È importante mantenere la calma in caso di aquaplaning:

“Se il veicolo va in aquaplaning, solleva il piede dall’acceleratore e premi la frizione verso il basso. Non frenare o ruotare le ruote con forza. Quando si rallenta, l’aderenza può tornare improvvisamente. Quando ciò accade, è indispensabile che le gomme puntino nella giusta direzione, non verso il traffico in arrivo”, dice Martin Dražík, Product Manager CE per Nokian Tyres

Controlla regolarmente le gomme e la loro pressione: Fortunatamente, si può facilmente ridurre il rischio di aquaplaning anche prima di mettersi dietro al volante. Il primo modo è quello di controllare regolarmente la profondità del battistrada delle gomme e assicurarsi che siano in buone condizioni. Pneumatici usurati equivalgono ad una minore capacità di rimozione dell’acqua, dal momento che il battistrada non ha più sufficiente capacità di conservazione dell’acqua.

“A norma di legge la profondità minima del battistrada per gli pneumatici estivi è di 1,6 millimetri, ma si deve tenere presente che gli pneumatici perdono rapidamente le loro proprietà in aquaplaning già a 4 millimetri”, dice Dražík.

Test recenti condotti da Tekniikan Maailma (5/2018), evidenziamo come gli pneumatici consumati iniziano a partire in aquaplaning a velocità inferiori o uguali a 75 km/h. Il miglior pneumatico nuovo del test ha iniziato l’aquaplaning a 88 km/h. Oltre alla profondità del battistrada, è necessario controllare la pressione dello pneumatico. Una bassa pressione degli pneumatici aumenterà il rischio di aquaplaning. Controllare e gonfiare le gomme se necessario sono misure di sicurezza importanti che non costano nulla e per le quali basta recarsi alla stazione di servizio più vicina.

Correggere la velocità aiuta a mantenere il controllo: Si può prevenire l’aquaplaning quando si è al volante. Il modo più importante per farlo è mantenere la giusta velocità in ogni momento. Sulla strada, non ci si dovrebbe mai fidare cecamente della tecnologia o considerare i limiti di velocità un valore minimo. Anche pneumatici nuovi potrebbero non essere in grado di prevenire l’aquaplaning se si guida troppo velocemente sotto una pioggia torrenziale.

“La più importante precauzione di sicurezza che un automobilista possa adottare è regolare la velocità a seconda delle condizioni meteorologiche. Con pioggia intensa, si dovrebbe ridurre la velocità di 15/20 km/h così da permettere alla superficie della gomma di rimuovere tutta l’acqua tra lo pneumatico e la superficie stradale”. Ci ricorda Dražík

Si dovrebbe dunque prevedere abbastanza tempo per un viaggio in condizioni di pioggia o con meteo incerto in modo da limitare qualsiasi necessità di dover guidare troppo velocemente. È inoltre importante mantenere la corretta distanza di sicurezza in condizioni di pioggia dal momento che superfici bagnate accresceranno le distanze di frenata. Si dovrebbe anche prestare attenzione alla superficie stradale. Le strade col passare del tempo sono soggette al logoramento e in alcuni casi i solchi possono essere molto profondi.

“Non guidare nei solchi perché lì si accumula l’acqua. È molto più sicuro guidare al loro fianco”, dice Dražík

Da ricordare in condizioni meteorologiche con pioggia:

  1. Controlla la profondità del battistrada delle gomme. La profondità minima raccomandata del battistrada è 4mm.
  2. Controlla la pressione delle gomme. Pneumatici sgonfi sterzano più lentamente e inoltre consumano una maggiore quantità di carburante
  3. Controlla la velocità a seconda delle condizioni meteo. Con pioggia intensa, dovresti ridurre la velocità di 15-20 km/h.
  4. Guida con calma. Mantieni la distanza di sicurezza e guida alla corretta velocità
  5. Osserva la superficie della strada. Non guidare dentro i solchi perché accumulano acqua.