OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

On demand significa “su richiesta”. La familiarità del termine deriva dall’utilizzo ormai diffuso dei programmi televisivi che possiamo scegliere e vedere immediatamente grazie a determinate tecnologie.

“Scegliere”, “immediatamente” e “tecnologie” ed “offrire”, sono parole chiave per Michelin. La scelta è determinata dalla consapevolezza di una necessità. L’offerta va al di là della richiesta: può essere la risposta a esigenze inespresse, di cui l’utente non è consapevole, ma che sono rivelate dai comportamenti e dalle abitudini. Per la casa francese, l’“utente” è chiunque viaggi, si sposti, trasporti persone e merci. Dal 1889, la missione di Michelin è quella di contribuire al progresso della mobilità di beni e persone attraverso la produzione e la commercializzazione di pneumatici per tutti i tipi di veicoli (dalle due ruote alle macchine movimento terra), carte e atlanti stradali, guide turistiche, guide alberghi-ristoranti, ma anche attraverso il sito Internet viamichelin.it e le App.

 Michelin-CroosClimate

Questo “utente” è il cliente e il consumatore, destinatari finali di prodotti e servizi, ma anche fonte attiva di informazioni che Michelin raccoglie e analizza per rispondere al meglio alle richieste dirette e alle esigenze inespresse. “Immediatamente”: il mondo è sempre più esigente. Usiamo di proposito il termine “demanding” anche per indicare le richieste del mercato, che è mutevole e rapidissimo nella variazione e impone risposte pronte. “Tecnologie”: le risposte a necessità immediate e future devono essere pronte, ma anche tecnologicamente avanzate. Del resto, è proprio il passo rapidissimo della tecnologia stessa che dà il ritmo a questo millennio.

Dove nasce la tecnologia Michelin per i clienti?

La tecnologia Michelin nasce e si sviluppa nel settore Ricerca e Sviluppo, attraverso la collaborazione con case produttrici di veicoli, attraverso la collaborazione con organizzazioni internazionali

Ricerca e Sviluppo Michelin

  • Il Centro Tecnologico Michelin è il cuore del settore di Ricerca e Sviluppo. Ha sedi in Europa, America del Nord e Asia. 3 continenti per comprendere meglio le necessità dei clienti in Paesi diversi e realizzare tecnologie ad hoc, on demand.
  • Nel Centro Tecnologico lavorano 6.600 persone, specializzate in 350 ambiti diversi. A Ladoux, in Francia, come nelle altre sedi del Centro Tecnologico Michelin in tutto il mondo, lavorano ricercatori, ingegneri, sviluppatori, esperti di tribologia (la scienza fisica che tratta dell’attrito e dei suoi effetti), meccanica dei fluidi, acustica, metallurgia, biologi, agronomi, collaudatori, tecnici.
  • Per la concezione, lo sviluppo e i test vengono usati 400 strumenti di simulazione diversi.
  • Michelin effettua ogni anno 1,8 miliardi di chilometri con i testi di longevità e durata su strada e su macchina per gli pneumatici di tutte le categorie (vettura, moto, autocarro, macchine agricole e movimento terra, bicicletta). Per dare un’idea: si tratta di un giro del mondo ogni 12 minuti.
  • Ogni anno, Michelin effettua 75.000 test statici o dinamici e in reali condizioni di utilizzo.
  • Al settore Ricerca e Sviluppo Michelin destina 640 milioni di euro l’anno.

Nel 2014, dal Centro Tecnologico è nato un laboratorio singolare, il Road Usage Lab, un “laboratorio su strada” e uno dei più grandi laboratori di ricerca sulle abitudini di guida oggi esistenti. Si basa sul monitoraggio dei veicoli di 3.000 automobilisti in Europa grazie a un dispositivo telematico installato sull’autovettura che permette di raccogliere direttamente le informazioni provenienti dai veicoli nelle reali situazioni quotidiane, in ogni condizione atmosferica. Nello specifico, il Road Usage Lab monitora tragitti, ore di uso della vettura ogni giorno, chilometri percorsi, comportamenti di guida.

Bibendum-Innovation

Il Road Usage Lab non è solo un laboratorio, ma una vera community, interpellata regolarmente con domande e sondaggi specifici per comprenderne le abitudini e le scelte.  Il Road Usage Lab permette quindi di monitorare veicoli in tempo reale, ma anche di ascoltare le esperienze e le impressioni degli automobilisti che si trovano ad affrontare condizioni meteo diverse. La comprensione dei comportamenti è un must del processo di sviluppo dei prodotti Michelin. I dati registrati arricchiscono il patrimonio di conoscenze del Centro Tecnologico Michelin e contribuiscono all’elaborazione delle soluzioni proposte agli automobilisti.

Collaborazione con case produttrici di veicoli

Nell’ambito della collaborazione con le case produttrici di veicoli, Michelin sviluppa prodotti su misura secondo richieste specifiche, collaborando, per esempio, con Audi, BMW, Ferrari, Mercedes, Porsche e molti altri marchi. In questo campo, realizza prodotti dedicati che rispondano alle esigenze del costruttore, che variano in base alle caratteristiche del modello. In questi casi Michelin è coinvolta nello sviluppo dello pneumatico già nella fase di progettazione del veicolo.

Questo è il caso della Ferrari 599 GTO, equipaggiata in esclusiva con gli pneumatici Pilot Super Sport, caratterizzati da battistrada bimescola sull’anteriore e trimescola sul posteriore, o della F12berlinetta, la Ferrari più potente mai costruita.

Per quanto riguarda i mezzi pesanti, le collaborazioni con Renault, Iveco Scania e altri costruttori hanno come obiettivo principale quello di contribuire al miglioramento dell’efficienza energetica e dell’operatività quotidiana dei mezzi. Per questa categoria di veicoli, Michelin sviluppa pneumatici dedicati per ogni marchio con caratteristiche di basso consumo di carburante e resistenza alle accidentalità, voci che impattano sulla redditività degli operatori.

Ma non solo. Un esempio in campo agricolo:

Michelin equipaggia il “gigante” New Holland T9 con il più grande pneumatico del mondo per trattori, MICHELIN AxioBib IF 900/65 R46, del diametro di 2,32 m. New Holland propone ai suoi clienti su tutta la gamma dei trattori gli pneumatici MICHELIN, caratterizzati dalla tecnologia Ultraflex, che opera a bassa pressione, consentendo di proteggere i suoli e quindi aumentarne la resa agronomica. Proprio per lo stretto legame che questa tecnologia ha con il tema Nutrire il pianeta, energia per la vita, quattro macchine agricole esposte al padiglione New Holland a EXPO 2015 sono equipaggiate con pneumatici Michelin. Una strategia sostenuta dai produttori di veicoli che sempre più ricercano pneumatici esclusivi e tecnologicamente avanzati.

MICHELIN XTXL E4 L4

Collaborazione con organizzazioni internazionali

Le organizzazioni internazionali specializzate con cui Michelin collabora comprendono, per esempio, FIA, Federazione Internazionale dell’Automobile, con cui Michelin ha lanciato la campagna mondiale di comunicazione delle 10 Regole d’Oro per la sicurezza stradale, la Cattedra di Incidentologia dell’Università di Dresda VUFO (Lehrstuhl für Verkehrsunfallforschung an der Technischen Universität Dresden) e organizzazioni meteorologiche, che hanno un ruolo essenziale nella fase di analisi delle esigenze, anche inespresse, di chi viaggia in condizioni atmosferiche variabili anche nel corso della stessa giornata.

I dati raccolti dal Centro Tecnologico, dalla collaborazione con case produttrici di veicoli premium e con organizzazioni internazionali si traducono quindi in tecnologie che innovano costantemente la gamma dei prodotti per tutti i veicoli, ma anche dei servizi e degli strumenti, al fine di soddisfare le esigenze e le richieste dei clienti.

Di seguito andremo a trattare i dettaglio la Tecnologia Michelin e tutti i Servizi On Demand nei settori:

  • MICHELIN solutions: soluzioni on demand per aumentare la redditività delle flotte
  • Michelin Lifestyle Limited: l’arte di innovare con la co-progettazione di suole on demand
  • Pneumatici Moto: la tecnologia on demand dalle competizioni agli pneumatici hypersport
  • MICHELIN CrossClimate: richiesto dagli automobilisti, realizzato da Michelin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.