Pneumatici: Sistemi di controllo Pressione obbligatori dal 1 Novembre

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici Estivi 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Michelin Primacy 3

★★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Turanza T001 Evo

★★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★★

Mostra Prezzo

Hankook Ventus Prime 3 K125

★★★★

Mostra Prezzo

Semperit Speed-Life 2

★★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecsta HS51

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P7 Blue

★★★

Mostra Prezzo

Fulda Ecocontrol HP

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear EfficientGrip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Nexen N'blue HD Plus

★★★

Mostra Prezzo

Cooper Zeon CS8

★★★

Mostra Prezzo

Dal 1. novembre 2014, le automobili nuove, dovranno essere equipaggiate di serie di un sistema di controllo che permette il monitoraggio automatico della pressione delle gomme: un contributo per la sicurezza stradale, la stabilità del veicolo e il consumo.

Una pressione insufficiente delle gomme è infatti pericolosa e può provocare gravi incidenti. Pneumatici non gonfiati in modo corretto, mettono a repentaglio la sicurezza, l’usura della gomma, incidono negativamente sulla tenuta in strada e sul consumo di carburante. Una pressione inferiore di 0.5 bar può aumentare il consumo di carburante di 0.3 litri ogni 100 km. Il sistema di controllo della pressione dei pneumatici (TPMS) controlla automaticamente tutte le gomme segnalando al conducente perdite d’aria o sgonfiamenti.

Sensori-TPMS-VDO

Due sistemi in commercio, I sistemi di monitoraggio della pressione disponibili sono: diretto (attivo) e indiretto (passivo).

La maggior parte dei veicoli sono dotati del sistema indiretto, più economico e di facile manutenzione soprattutto nel cambio dei pneumatici. Esso paragona il regime di rotazione delle ruote grazie ai sensori ABS e ESP, installati su quasi tutti i veicoli. Un calo della pressione riduce la circonferenza della ruota, aumentando il regime di rotazione, ciò che il sistema avverte come una perdita di pressione.

Il sistema diretto ha un sensore di pressione e di rilevamento della temperatura, montato all’interno del pneumatico e fissato sul cerchione. Esso trasmette, via radio, la pressione istantanea a un ricevitore sistemato all’interno del veicolo.

Sistema diretto: migliore, ma più costoso e complicato. Paragonati tra di loro, il sistema diretto è preferibile a quello indiretto. Il primo, da’ i valori in continuazione per i quattro pneumatici e segnala velocemente la perdita di pressione; mentre il sistema indiretto, non avvisa e non percepisce immediatamente una perdita uniforme di pressione in tutte le quattro gomme.

Per approfondire, ti rimandiamo al Nostro Focus Tecnico sui Sensori TPMS

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.