Mercedes Classe M: Il TÜV Süd conferma l’elevata ecocompatibilità del nuovo ML

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

L’ente di certificazione indipendente TÜV Süd ha così riconosciuto l’impegno sul fronte della tutela ambientale, fortemente radicato nelle linee guida dell’intero Gruppo Daimler. In questo ambito, la prestigiosa Casa automobilistica non soltanto tiene conto delle ripercussioni di un veicolo sull’ambiente nella fase di puro e semplice utilizzo, ma ne esamina ed ottimizza l’intero ciclo di vita, dallo sviluppo, passando per il processo di produzione, fino al suo smaltimento. La certificazione ambientale si basa dunque su un bilancio ecologico completo di Mercedes Classe M.

La certificazione secondo la norma ISO 14062 vale per tutti i modelli Classe M; ad esempio nel caso di Mercedes-Benz ML 250 BlueTEC 4MATIC sono stati valutati, tra l’altro, il fabbisogno energetico e le emissioni prodotte su una percorrenza di 250.000 km. Il SUV si colloca dunque ai vertici del segmento come vero e proprio campione di efficienza: consuma, infatti, solo 6,0 litri di gasolio per 100 chilometri (158 g CO2/km) e, grazie all’adozione dell’innovativo sistema SCR (SCR = Selective Catalytic Reduction) con iniezione di AdBlue, soddisfa già oggi i valori previsti dalla direttiva EU 6 che entrerà in vigore nel 2014. Rispetto al suo predecessore, ML 300 CDI BlueEFFICIENCY 4MATIC, la nuova Classe M garantisce, durante tutto il ciclo di vita, il 25% (18 tonnellate) in meno di emissioni di CO2 ed il 38% in meno di emissioni di ossido di azoto, grazie alla riduzione dei consumi ed all’introduzione della tecnologia SCR, con un risparmio di energia primaria del 24%. Rispetto ad ML 280 CDI 4MATIC, introdotto sul mercato nel 2005, il risparmio in termini energetici ed ambientali risulta ancora superiore.

Le emissioni di CO2 si sono infatti ridotte del 32% (25 tonnellate), quelle di ossido di azoto del 62% e l’energia primaria ha registrato una riduzione del 31%. Il 31% di energia primaria risparmiata corrisponde alla quantità di energia contenuta in circa 9.800 litri di gasolio. Oltre ad ML 250 BlueTEC 4MATIC, anche ML 350 BlueTEC 4MATIC e la versione a benzina ML 350 4MATIC BlueEFFICIENCY convincono per la loro elevata efficienza: rispetto ai modelli precedenti, la gamma completa consuma, in media, il 25% in meno di carburante. Gli eccezionali valori in termini di consumi di questa campionessa d’efficienza sono merito, tra l’altro, di nuovi strumenti di sviluppo, tra cui la “vettura energeticamente trasparente”. Questo esclusivo processo introdotto da Daimler nell’industria automobilistica consente agli ingegneri responsabili dello sviluppo di monitorare tutto il flusso energetico della vettura (tank-to-wheel). I risultati così ottenuti permettono quindi di ottimizzare tutti i gruppi costruttivi rilevanti in termini di consumi, persino i singoli cuscinetti ruota.

Materiali riciclati e naturali su Classe M

37 componenti di Classe M sono stati omologati per essere prodotti con materiali riciclati di pregio, ad esempio i rivestimenti del passaruota, le canaline portacavi ed il rivestimento sottoscocca. I materiali riciclabili vengono recuperati, per quanto possibile, dai flussi di rifiuti derivanti dalle vetture. I già citati rivestimenti del passaruota sono, ad esempio, prodotti con componenti della vettura rielaborati, quali scatole delle batterie di avviamento, rivestimenti del paraurti o scarti di produzione della plancia. La percentuale dei componenti riciclati è aumentata, rispetto al modello precedente, del 29%. Anche questa soluzione consente a Classe M di soddisfare, già oggi, la quota del 95% di materiali riciclati prevista, a livello europeo, a partire dal 2015. Sono 15 i componenti di Classe M realizzati con l’impiego di materie prime rinnovabili. Il peso complessivo dei componenti composti da materie prime rinnovabili è di 13,1 kg ed è aumentato, rispetto al modello precedente, del 153%. La presenza di materie prime rinnovabili caratterizza principalmente l’abitacolo di Mercedes Classe M, anche se non mancano applicazioni tecniche quali ad esempio il filtro a carbone attivo che, realizzato con noccioli d’oliva, assorbe le emissioni di idrocarburi dal serbatoio, mentre il filtro si rigenera automaticamente durante la marcia.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.