Moto GP Jerez 2012. Intervista ad Alvaro Bautista, Team Gresini

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

GP Jerez, MotoGP 2012. Queste le parole di Alvaro Bautista, pilota Team Gresini. “Il fine settimana del Qatar è stato particolarmente difficile perché fin dalle prime prove non sono riuscito a trovare quella confidenza con la moto che invece avevo trovato nel corso dei test invernali.  Abbiamo lavorato intensamente senza riuscire a trovare il feeling. In gara siamo riusciti a lottare caparbiamente cercando di utilizzare al cento per cento quello c he avevamo a disposizione ma la confidenza con la moto non era quella dei test. E’ stato comunque importante finire la gara e farlo lottando per il sesto posto perché moralmente ci sarà di aiuto dopo il fine settimana alquanto complicato. In questa breve pausa ho continuato ad allenarmi quotidianamente. Sono rimasto in famiglia cercando di rilassarmi ed analizzando la prima gara dell’anno per trovare i punti dove posso migliorarmi nelle prossime gara oltre ad aver svolto alcune iniziative di pubbliche relazioni che avevo nella mia agenda.

Adesso ci aspetta Jerez – continua Bautista – dove correre per me è sempre molto speciale. Lo scorso anno non ero presente perché infortunato ma recentemente sul circuito andaluso abbiamo svolto i test invernali durante i quali abbiamo raccolto molte informazioni e se riusciremo a migliorarci sono sicuro che potremo fare una buona gara. Il nostro obiettivo è quello di  restare con i migliori. Sarebbe bellissimo perché correre a Jerez è incredibile e il p ubblico ti appoggia tantissimo con il suo calore. Jerez è il vero inizio del mondiale perché è il primo appuntamento europeo e si corre nel tradizionale orario pomeridiano. E’ la festa del motociclismo che coinvolge emotivamente pubblico e piloti. Jerez mi trasmette inoltre bellissimi ricordi perché su questo circuito ho vinto il mio primo Gran Premio ed a Jerez non sarebbe male ottenere il mio primo podio in MotoGP”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.