Continental installa le prime macchine nel Taraxagum Lab di Anklam

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

I lavori per il completamento delle strutture di prova stanno andando avanti al Taraxagum Lab Anklam. I primi macchinari per l’estrazione della gomma da dente di leone sono appena stati installati. L’obiettivo è di utilizzare il primo impianto nel tardo autunno.

“Stiamo rispettando perfettamente i tempi previsti” commenta il site manager Carsten Venz. “All’inizio eravamo preoccupati che il freddo inverno potesse rallentare il percorso ma ora l’attività procede rapidamente”.

Continental è impegnata nella ricerca per l’industrializzazione del tarassaco russo all’interno del laboratorio TLA (Taraxagum Lab Anklam).

Il produttore pneumatici si è posto l’obiettivo di utilizzare la gomma ricavata dalle radici di questa pianta come alternativa sostenibile alla gomma estratta dalle foreste pluviali, riducendo anche le emissioni di CO2 grazie alla radicale riduzione delle rotte di trasporto.

L’unità di estrazione ha una superficie di circa 50 metri quadri e pesa circa 40 tonnellate. Con il funzionamento del primo impianto, il laboratorio potrà produrre molto più gomma ad Anklam rispetto a quanto fosse possibile in precedenza con i sistemi e i siti del partner ZOZ ad Olpe.