Autore | Profilo Google+ |

Riparazioni Auto: Tutti i Prezzi ed Interventi. Rapporto 2016

Kit di distribuzione, sostituzione della frizione e tagliando sono gli interventi più richiesti alle officine nel corso del 2015, secondo il Rapporto Riparazioni 2016 elaborato da RiparAutOnline.com. I preventivi più cari sono in Lombardia, Roma tra le città più convenienti.
Ma l’officina più economica nonchè la più votata dagli utenti del portale è proprio nel capoluogo lombardo

;
Tutte le Offerte Amazon Last Minute
;

RiparAutOnline, portale web che consente di richiedere e confrontare online preventivi per la riparazione e la manutenzione del proprio veicolo presenta i dati relativi alle riparazioni auto 2015. Nel 2015 sono state effettuate attraverso il portale oltre 20.000 richieste di preventivo alle più di 5.500 officine affiliate: l’elevato numero di preventivi richiesti ha permesso di tracciare un quadro statisticamente rilevante dello ‘stato di salute’ dei veicoli circolanti in Italia, sugli interventi più richiesti alle officine e sui prezzi praticati da meccanici e carrozzieri, nonché di evidenziare i risparmi ottenuti attraverso il servizio online.

Kit di distribuzione, sostituzione della frizione e tagliando sono gli interventi più richiesti alle officine nel corso del 2015, secondo il Rapporto Riparazioni 2016 elaborato da RiparAutOnline.com. I preventivi più cari sono in Lombardia, Roma tra le città più convenienti. Ma l’officina più economica nonchè la più votata dagli utenti del portale è proprio nel capoluogo lombardo. Il sito, che permette di confrontare online preventivi per la riparazione del proprio veicolo, nel 2015 ha fatto risparmiare complessivamente agli utenti 1,2 milioni di euro ed ha evitato l’emissione di 65,79 tonnellate di CO2. Le donne si rivolgono al sito soprattutto per preventivi su riparazioni e verniciatura a paraurti e parafango, mentre gli uomini chiedono sostituzione del kit di distribuzione e interventi alla frizione.

Riparare Auto Online

Età dei veicoli e tipologia degli interventi.

Stando ai dati analizzati emerge che l’età media dei veicoli sui quali è stato richiesto un intervento nel 2015 è stata di 11,5 anni, in aumento sia rispetto al dato del 2014 (età media 8,4 anni) che a quello del 2013 (età media 6 anni). Il numero più alto di richieste proviene dai veicoli immatricolati nel 2007 corrispondente a 9 anni di età al 2015.

Il sito ha anche stilato una classifica delle categorie di intervento richieste. Al primo posto si confermano quelli di tipo meccanico, scelti dal 58,41% di utenti e in crescita rispetto al 2014 (52%) e al 2013 (41%). Al secondo posto ci sono quelli di carrozzeria con il 19%, in calo rispetto al 21% dello scorso anno, seguito dalla richiesta di tagliando (7,18%). Le richieste per elettrauto sono il 4,24%, mentre riparazioni vetri e cristalli il 3,24%. Sale leggermente rispetto al 2014 il dato sulle installazioni di impianti GPL e metano (dal 2% al 2,28%) che aveva invece registrato un buon 8% nel 2013.

Per quanto riguarda invece i servizi nel dettaglio, sul podio delle richieste nel 2015 troviamo, come nel 2014, la sostituzione del kit di distribuzione (cinghia di distribuzione, cuscinetti, tenditore e pompa dell’acqua), un dato che conferma l’attenzione degli utenti per il risparmio che si rivolgono al portale web di RiparAutOnline per interventi molto costosi su cui è possibile avere un margine maggiore di risparmio. Sul secondo gradino la sostituzione e il controllo della frizione (17, 73%), mentre sul terzo il tagliando (12,04%). Seguono interventi sulla carrozzeria (10,03%), sui freni (8,36%). Il cambio olio è stato richiesto dal 5,69% degli utenti, interventi al motore o a sospensioni e ammortizzatori entrambi dal 4,01%. Chiudono la classifica gli interventi ad impianti GPL e metano (3,01% ) e richieste per l’elettrauto (2,34%).

I preventivi, emerge dai dati della piattaforma, vengono richiesti in particolare nei mesi di Novembre (10,7%), Luglio (10,51%) e Maggio (10,01%), evidentemente legati a periodi di ponti o vacanze imminenti. In particolare, a maggio 2015 al primo posto si collocano le richieste per sostituzione kit distribuzione, mentre al secondo posto le richieste per sostituzione ammortizzatori. A luglio invece la maggior parte delle richieste sono relative alla sostituzione di condensatore e climatizzatore auto e ricarica dello stesso, mentre al secondo quelle per la sostituzione delle pastiglie dei freni. Novembre invece è stato il mese delle richieste per il tagliando, seguito dalla sostituzione della frizione. Bassissimo il numero di auto elettriche che hanno richiesto un preventivo: negli ultimi 4 anni soltanto 2 in tutta Italia.

Risparmiati oltre 1,2 milioni di euro

Scopo di RiparAutOnline è quello di facilitare la scelta della migliore officina di riparazione, grazie alle recensioni lasciate dai clienti, alla possibilità di richiedere preventivi alle officine più vicine senza perdere tempo nel recarsi fisicamente, e grazie alla possibilità di scegliere le proposte più competitive per qualità/prezzo. Nel 2015 il risparmio economico complessi- vo permesso dal portale web ai suoi utenti, calcolato sommando tutte le richieste di pre- ventivo e confrontando per ognuna la differenza tra il prezzo più alto e quello più basso proposto, è stato pari a 1.278.254 euro in un anno, in crescita rispetto ai 1.002.118 Euro del 2014, con una media di 60 euro a intervento.

Andando a vedere gli interventi nel dettaglio, emerge che il risparmio medio maggiore (differenza media tra il prezzo preventivato più alto e quello più basso) si è avuto con interventi sulla carrozzeria (203 Euro) e con le installazioni di impianti GPL e Metano (183 Euro). Buono anche il risparmio medio della sostituzione del kit di distribuzione (147 Euro) che è emerso essere l’intervento più richiesto dai visitatori del portale. Per interventi su sospensioni e ammortizzatori l’utente della piattaforma risparmia in media 157 euro, mentre per la interventi al motore 141 e per la frizione 137 euro. Sui freni si risparmiano 89 euro, sul tagliando 76, sull’elettrauto 61 euro e sul cambio olio si ha il risparmio medio più basso pari a 59 euro.

Lombardia regione più costosa, ma a Milano l’officina più economica.

I 3 interventi più richiesti (sostituzione kit di distribuzione, sostituzione frizione e tagliando) sono stati anche gli interventi scelti da RiparAutOnline per un approfondimento geografico sui prezzi dei preventivi proposti a 3 tipologie di auto (fascia bassa, media e alta). Per ogni tipologia di auto è stato calcolato il prezzo medio di ciascun intervento, poi messo a confronto con i prezzi proposti dalle officine italiane di RiparAutOnline. Dall’analisi Roma risulta la città meno cara in 3 casi su 9, mentre Toscana, Emilia Romagna e Piemonte hanno in generale i prezzi più bassi rispetto alla media.

La Lombardia è la regione più cara in 6 casi su 9. Tuttavia, nonostante i preventivi mediamente più costosi, il capoluogo lombardo è anche sede dell’officina più economica d’Italia, nonchè la migliore secondo i clienti di RiparAutOnline: prezzi competitivi, lavori eseguiti nei tempi indicati, professionalità e disponibilità del personale hanno permesso al portale di premiare la milanese Protecno-Racing come officina che si è distinta, tra le oltre 5.500 iscritte alla piattaforma, per numero di feedback positivi e per la media voti ricevuti.

Utenti RiparAutOnline: più giovani le donne degli uomini

RiparAutOnline ha registrato che nel corso del 2015 il 51% degli utenti ha avuto accesso al sito da smartphone (42%) e tablet (9%), mentre il restante 49% lo ha fatto da desktop. Un passo avanti rispetto al 2014, quando soltanto un terzo degli utilizzatori accedeva al portale tramite smartphone o tablet. L’analisi dei dati di RiparAutOnline mostra che il 76,9% degli utilizzatori del servizio online è di sesso maschile e il restante 23,10% di sesso femminile, numeri che ricalcano quasi perfettamente quelli del 2014, quando gli utenti maschili erano il 77,2%. Per quanto riguarda le fasce d’età, il 30,7% degli utenti ha un’età compresa tra i 35 e i 44 anni, diversamente dal 2014 quando gli utenti con la percentuale più alta erano quelli con un’età compresa tra i 25 e i 34 anni, fascia che quest’anno arriva al 27,7%. Gli utenti tra i 45 e i 54 anni sono il 18,5%, quelli tra 18 e 24 il 9,39% e tra 55 e 64 anni arrivano al 9,14%.

La fascia di utenti meno numerosa si conferma quella degli over 65 che scende dall’8% del 2014 al 4,49% del 2015. Da notare che, mentre tra le donne la fascia che più utilizza RiparAutOnline è quella di età compresa tra i 25 e i 34 anni (29,79%), l’età sale per il sesso maschile: il portale è usato soprattutto da uomini tra i 35 e i 44 anni (31,41%). Incrociando infine i dati tra le riparazioni e gli utenti emerge che tra gli uomini prevalgono le richieste per sostituzione del kit di distribuzione e per interventi alla frizione, mentre per le donne i preventivi riguardano riparazioni e verniciatura a paraurti e parafango. Dal punto di vista geografico, il 61,54% delle richieste di preventivo arriva dal Nord Italia, il 31,44% dal Centro e soltanto il 7,02% dal Sud Italia.

Nel 2015 risparmiate 65 tonnellate di CO2 grazie ai preventivi online. I risparmi ottenuti attraverso RiparAutOnline.com hanno riguardato anche le emissioni di CO2. Gli oltre 20.000 preventivi richiesti nel 2015 hanno evitato agli utenti di percorrere 506.109 km nel caso avessero dovuto contattare personalmente le officine. Moltiplicando il dato per lo standard di emissioni di anidride carbonica di un’autovettura (130 g/km), emerge che il risparmio di CO2 nel 2015 è stato pari a 65,79 tonnellate.

Gomme Invernali Ebay

Tags: ,

;

ULTIMI ARTICOLI IN Attualità

 
 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

 

1 Commento

  1. Roberto delPopolo says:

    Troppa gente si affida al preventivo del meccanico considerando solo il prezzo della manodopera e non verificano il costo dei pezzi. Ho provato personalmente a verificare il costo delle candelette per una Fiat diesel del 2003 ed ho chiesto il prezzo a due meccanici per sostituirle: Cambio di 4 candelette più manodopera è di 150 euro. Mi è stato detto che le candelette costano 25 euro l’una e quindi ho ritenuto che la manodopera era a buon prezzo. Ho verificato poi il costo delle candelette e mi sono accorto che stanno a 10 euro l’una per una buona marca. Ciò farebbe un profitto del 300 percento sui pezzi.

     

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *