Bridgestone BT 016 pneumatici moto stradali multimescola

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Bridgestone BT 016, è un  pneumatico moto supersportivo stradale multimescola. Composto da ben tre mescole al posteriore, e due all’anteriore è stato appositamente studiato e sviluppato per assicurare il miglior compromesso tra prestazioni in pista e versatilità su strada. Risulta essere un pneumatico moto adatto per le supersportive e le naked ad altre prestazioni. Doppia mescola, queste parole sono ormai sulla bocca di tutti i motociclisti appassionati di moto sportive che convivono con i pneumatici “multicompound” già da qualche tempo. Il ” multicompound ” o “multimescola”, è una caratteristica tecnica nata per regalare il meglio nelle competizioni, ma alla fine risulta essere una scelta vincente anche per i pneumatici stradali sportivi, quei pneumatici cioè che devono coprire un range di impiego veramente vasto, dalla gita al mare, all’uscita domenicale in pista; devono inoltre domare potenze attorno ai 180 cavalli, assicurare percorrenze chilometriche accettabili, ed essere sicuri anche su fondi bagnati. Bridgestone ha voluto esagerare, non si è accontentata della doppia mescola, ma con il suo pneumatico BT 016 arriva addirittura a 5, tre mescole al posteriore, e due all’anteriore. Bridgestone  non è nuova al gioco delle mescole, basti pensare che già nel lontano 1985 aveva introdotto un pneumatico bimescola (il BT12 solo per il mercato giapponese), ed oggi si sente in diritto di rafforzare la propria leadership in questa tecnologia alzando il limite ancora più su.

 Bridgestone BT 016 - 02

Bridgestone BT 016 è stato sviluppato per rimpiazzare il BT 014, sul mercato da diversi anni e secondo Bridgestone si inserisce nel segmento degli sportivi stradali (dove troviamo Dunlop Qualifier, Pirelli Diablo Rosso, Michelin Pilot Power, Metzeler Sportec M3, Continental Sport Attack) lasciando al BT 002 RS il compito di lottare contro i noti bimescola (Pilot Power 2CT, Diablo Corsa III, Qualifier RR). In realtà, forse Bridgestone, è rimasta fin troppo con i piedi per terra, poiché dopo essere stato testato dai piloti professionisti di Motorbox, il BT 016 è stato giudicato più vicino a questi ultimi che a quelli indicati come diretti concorrenti “naturali”. Per certi versi BT 016 risulta, a detta sempre di Motorbox, persino superiore al BT 002 RS poiché ha prestazioni molto vicine ma risulta essere più versatile.

Bridgestone BT 016 - 06

2 Mescole All’anteriore

Bridgestone BT 016 - anteriore

Per prima Bridgestone impiega una tecnologia multimescola (chiamata 3LC) su un pneumatico anteriore dove la striscia centrale è più rigida (per concedere maggior percorrenza ma anche per sostenere meglio la moto in staccata) e i lati sono più morbidi per assicurare maggior grip.

3 Mescole Al Posteriore

 Bridgestone BT 016 - posteriore

Posteriormente le mescole diventano perfino 3, una centrale più dura (maggior percorrenza), le due laterali più morbide (ma rigide) per regalare  grip e sostegno in accelerazione, e le due fasce estreme ultramorbide per avere estremo grip alle inclinazioni più elevate.

 Bridgestone BT 016 - 01

Nuove mescole e disegno, quindi, mentre è stata modificata la struttura, soprattutto all’anteriore che adesso usa il sistema “Mono Spiral Belt” composto da un cavo in acciaio (formato da tre filamenti) avvolto verso il senso di marcia per assicurare la giusta rigidità del pneumatico limitandone la deformazione, al posteriore questa tecnologia era già adoperata e, infatti, la ritroviamo con l’unica differenza che qui il cavo in acciaio è composto da 5 filamenti.

Prova in pista a  Jerez

Per provare le BT 016 Bridgestone ha organizzato, una giornata in pista a Jerez, presenti tutte le moto sportive del momento (da 600 a 1200 cc,imbarazzo della scelta) e mezza giornata su strada per valutare il comportamento sui percorsi normali. Difficile la scelta delle moto, ma alla fine le vincitrici, per assaporare al meglio le BT 016 sono state: Kawasaki Ninja 600, Honda CBR 600 RR, KTM RC8, Ducati 1098, Kawasaki Ninja 1.000.

 Bridgestone BT 016 - 05

Molto Sportiva

BT 016, in pista, hanno fatto un’ottima figura; di questa gomma è stato molto apprezzato il bilanciamento dei profili tra anteriore e posteriore, la neutralità che questi pneumatici donano alla moto. Sterzo sempre fermo, nessuna propensione a “cadere” all’interno della curva, e neppure a resistere quando si forza la staccata a freni alla mano.

Staccata Super

Una situazione dove BT 016 si è dimostrato un pneumatico eccezionale, perfezionando ad esempio il comportamento della Ninja 2008 (che tende ad essere avversa a buttarsi in piega a freni tirati), e assicurando ingressi in curva fulminei più da gomma racing che stradale. In queste condizioni il pilota di Motorbox ha apprezzato il sostegno dell’anteriore, che si pone come il riferimento nel suo segmento grazie alle prestazioni e alla capacità di gestione dell’ingresso curva. BT 016 è molto comunicativo oltre ad essere caratterizzato da un limite davvero molto elevato.

Bridgestone BT 016 - 04

E il posteriore….?, buono il giudizio anche su di esso, non entra mai in crisi con le medie cilindrate (anche quando si affonda il gas a gomma un po’ consumata), sempre gestibile con le mille e un po’ stressato solo dalle raffiche di coppia ai medi della KTM RC8 e della Ducati 1098, soprattutto a causa del loro assetto troppo rigido al posteriore che, in accelerazione fa “pompare” un po’ la gomma.

Senza tener conto di questo, il bello della BT 016 (e in generale di tutte le gomme di questo segmento) è la capacità di comunicare, con grande anticipo, al pilota l’avvicinarsi del limite e di restare sempre assolutamente gestibili.

Rigide su strada

Su strada, BT 016 risulta essere un pneumatico moto che si scalda in fretta e assicura ottimo feeling di guida,  l’unica “pecca” è che BT 016 non offre un comfort da primato. Alla guida delle naked la stabilità è eccellente, manubri saldi ottima capacità di smorzamento dello shimmy (oscillazione del manubrio), profili omogenei e chiari rendono questo pneumatico veramente versatile, anche se sulle asperità la sua sportività si fa sentire con una risposta abbastanza secca, (comunque non a livello dei pneumatici ultrasportivi).

Bridgestone BT 016 sono anche pneumatici di primo equipaggiamento su Suzuki GSX-R 600 e 750, Yamaha R6 e Kawasaki Ninja ZX-10R

Bridgestone BT 016 - 03

Le misure delle Bridgestone BT 016

Anteriore

Posteriore

130/70-16

110/70-17

120/70-17

120/60-17

150/60-17

160/60-17

160/60-18

170/60-17

180/55-17

190/50-17

190/55-17

GommeBlog ringrazia per la lettura

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.