News Auto

La nuova Peugeot 208 Type R5 è già in strada

PREZZI MIGLIORI GOMME INVERNALI TEST TCS 2023

MODELLO

VALUTAZIONE TCS

PREZZO

CONTINENTAL WINTERCONTACT TS870 MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

CONTINENTAL WINTERCONTACT TS 870 P MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

MICHELIN ALPIN 6 MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

DUNLOP WINTER SPORT 5 MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

GOODYEAR ULTRAGRIP PERFORMANCE + MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

GOODYEAR ULTRAGRIP 9+ MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

FIRESTONE WINTERHAWK 4 MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

BRIDGESTONE BLIZZAK LM 005 MOLTO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

KUMHO WINTERCRAFT WP52 CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

PIRELLI CINTURATO WINTER 2 CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

YOKOHAMA BLUEARTH-WINTER V906 CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

HANKOOK WINTER I*CEPT RS3 CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

NOKIAN WR SNOWPROOF CONSIGLIATO

Mostra Prezzo

VREDESTEIN WINTRAC PRO CONSIGLIATO

Mostra Prezzo


Svelata al Salone dell’Auto di Parigi dello scorso settembre, la 208 Type R5 ha raggiunto il suo primo obiettivo: iniziare il programma di prove prima della fine del 2012, conquistando così la sua prima “vittoria”, ossia essere la prima vettura rispondente alla nuova regolamentazione R5 della Fia ad uscire allo scoperto e a compiere i primi giri di ruote. L’erede della 207 Super 2000 ha effettuato quattro giornate di test su un percorso su terra, a Riboux, nel sud-est della Francia, con l’equipaggio Bryan Bouffier – Xavier Panseri.

peugeot-208-type-r5

Con questi primi giri abbiamo superato una tappa fondamentale – rivela Alexis Avril, responsabile tecnico competizioni clienti di Peugeot Sport – ma rimane ancora molto lavoro da fare. Adesso passiamo alla fase successiva dello sviluppo che consiste nel percorrere quanti più chilometri possibile, innanzitutto per verificare l’affidabilità della vettura e poi per lavorare sulle prestazioni pure. Da qui alla commercializzazione della vettura, il piano di lavoro prevede oltre 10.000 chilometri su terra, asfalto, in prova e in gara. Per questa prima sessione, abbiamo optato logicamente per la terra, per collaudare la struttura nel suo complesso. Esistono molti componenti comuni tra la configurazione asfalto e quella terra ed è dunque logico verificarne la resistenza nelle condizioni più difficili, ossia su terra. In un secondo tempo, ci concentreremo sulla messa a punto delle sospensioni e del motore turbo, i due principali fattori delle prestazioni, i cui sviluppi sono realizzati direttamente da Peugeot Sport.

Bryan Bouffier: Le prime sensazioni sono positive. Sono soddisfatto dell’equilibrio generale e mi sento a mio agio ai comandi. La base è davvero buona ed ho apprezzato in modo particolare il motore turbo che è facile da usare, grazie alla coppia davvero apprezzabile su terra.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.