Inchiesta: Italiani NON sostituiscono i pneumatici usurati

OFFERTE GOMME AUTO: Pneumatici ESTIVI 2019

MODELLO

IMPIEGO

PREZZO

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Bridgestone Turanza T005ESTIVO

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip PerformanceESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Firestone RoadhawkESTIVO

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin Primacy 4ESTIVO

Mostra Prezzo

Michelin CrossClimate+ALL-SEASON

Mostra Prezzo

Michelin Pilot Sport 4 SUVESTIVO

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01ESTIVO

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 VerdeESTIVO

Mostra Prezzo


Gli italiani non sostituiscono i pneumatici delle loro auto, non considerando fondamentale sostituire i pneumatici quando questi non sono più in grado di garantire le prestazioni necessarie per una guida in totale sicurezza. Questo problema, assolutamente preoccupante per la sicurezza stradale, è stato venuto alla luce grazie a uno studio del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati European Tyre and Rubber Manufacturers’ Association e Anfia. Emerge infatti dall’analisi che in Italia l’indice di sostituzione dei pneumatici è notevolmente inferiore agli standard europei.
L’Italia divide questo record negativo con Grecia e Francia. Decisamente diverso il comportamento degli automobilisti dei Paesi del Nord Europa, che sostituiscono i pneumatici con maggiore frequenza. Il risultato negativo per l’Italia è emerso proprio dalla frequenza con la quale vengono sostituiti i pneumatici.

 

Analizziamo la classifica:

 

1 – Irlanda: indice di sostituzione pari a 174 (74% superiore alla media europea)

 

2 – Danimarca e Norvegia: indice di sostituzione pari a 137

 

3 – Finlandia: indice di sostituzione pari a 131

 

4 – Svezia: indice di sostituzione pari a 129

 

controllo-pressione

 

Sicuramente i dati numerici sono condizionati dal clima rigido, che causa strade ghiacciate o coperte di neve, requisiti che obbligano a sostituire i pneumatici più spesso. In ogni caso, in questi Paesi la cultura del “cambio gomme” è molto più alta che in Italia.

 

Nel nostro paese infatti l’indice di sostituzione è pari a 90 (10% inferiore alla media europea).

 

Pneumatici usurati causano un calo della sicurezza stradale, emissioni inquinanti e consumi più alti. Per questo motivo Continental Autocarro ricorda l’importanza di un controllo accurato delle gomme, nel dettaglio è necessario:

 

– Controllo della pressione di gonfiaggio (anche qui record negativo per Italia, leggi post Gli italiani……)

– Controllo dell’eventuale presenza di abrasioni, tagli o rigonfiamenti sospetti)

– Verifica dello spessore del battistrada. Non bisogna dimenticare infatti, che quando si arriva al limite imposto dal Codice della strada (1,60 mm per auto e rimorchi) i pneumatici devono essere obbligatoriamente sostituiti.

 

In particolare, sottolinea Daniel Gainza, direttore commerciale di Continental Autocarro, per quel che riguarda i pneumatici autocarro la tardiva sostituzione diminuisce considerevolmente anche il valore economico della carcassa, rendendone, alcune volte, persino impossibile la ricostruzione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.