OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Sebastian Vettel, Red Bull, ha conquistato la sua 41esima pole position in carriera, con gli pneumatici P Zero Red supersoft, scelti insieme ai P Zero White medium per il Gran premio di Singapore. Con un divario prestazionale di circa due secondi fra le due mescole, il ventaglio delle strategie è ancora più ampio.

Vettel ha segnato un tempo di 1m42.821s, di solo un decimo più veloce rispetto al tempo fatto registrare da Nico Rosberg, Mercedes, qualificatosi secondo. In condizioni meteo di caldo e umido, e temperature ambientali di 31 gradi centigradi, la maggior parte dei piloti ha scelto di iniziare la Q1 con gomme medie; molti hanno poi deciso di completare l’ultimo giro con le supersoft. Solo le Red Bull e la Lotus di Romain Grosjean hanno concluso la Q1 con gomme medie. Il più veloce in questa prima sessione è stato il pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, con gomme supersoft.

Formula 1

Tutti i piloti hanno iniziato la Q2 con gomme supersoft, generalmente utilizzando il set con cui avevano finito la Q1 per il primo giro. Vettel è stato ancora una volta il più veloce nel suo primo ed unico giro con gomme supersoft, otto decimi di secondo davanti al suo compagno di squadra che ha adottato una strategia simile. Anche i due piloti Mercedes sono passati alla Q3 con un solo giro, usando gomme supersoft.

I dieci piloti approdati nella Q3 sono partiti tutti con gomme supersoft, ad eccezione di Jenson Button (McLaren), uscito con gomme medie senza però segnare il tempo. Button è poi andato in pista per il suo secondo giro con gomme supersoft.

Vettel ha conquistato la pole con un unico tentativo, sulle supersoft. Anche le Ferrari hanno completato un solo giro con le ​​supersoft. Esteban Gutierrez, Sauber, non ha segnato un tempo nella Q3 ma ha ottenuto la sua migliore posizione dell’anno e domani partirà 10°.

Vettel è stato il più veloce anche nella sessione di prove libere di questa mattina, seguito da Romain Grosjean, Lotus. Il tedesco ha segnato il suo miglior tempo con gomme supersoft.

Il Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery: “Fin dall’inizio del fine settimana era chiaro che questa gara si sarebbe giocata sulle strategie; questo è valso anche per le qualifiche. Infatti, già dalla Q1 si sono viste strategie di gara diverse. E’ sempre stato importante ottenere una buona qualifica a Singapore, poichè le possibilità di sorpasso sono limitate. Inoltre, con un divario notevole tra le due mescole, la supersoft era la scelta perfetta per le qualifiche. Questa mescola giocherà un ruolo importante anche in gara, dove inciderà l’evoluzione della pista e delle temperature. Anche se non è un tracciato particolarmente difficile in termini di usura, il degrado termico può essere molto elevato e il fatto che non ci siano lunghi rettilinei, ma anzi c’è il maggior numero di curve dell’anno, aggiunge un elemento di sfida per le gomme. Le brusche frenate, ulteriore tratto distintivo di questo circuito, aumentano il calore che passa attraverso gli pneumatici. Domani ci aspettiamo tra le due e le tre soste, ma molto dipenderà da fattori esterni, come la temperatura o la safety car.”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.