Formula 1: Pirelli annuncia le mescole per i GP di Corea, Giappone e India

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Continental WinterContact TS860

★★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Sport 5

★★★★

Mostra Prezzo

Dunlop Winter Response 2

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Alpin 5

★★★

Mostra Prezzo

Kleber Krisalp HP 3

★★★

Mostra Prezzo

Nexen Winguard SnowG WH2

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Bridgestone Blizzak LM 001 Evo

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Yokohama BluEarth Winter (V905)

★★★

Mostra Prezzo

Kumho WinterCraft WP51

★★★

Mostra Prezzo

Giti Winter W1

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Winterhawk 3

★★★

Mostra Prezzo

Nokian WR D4

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear UltraGrip 9

★★★

Mostra Prezzo

Debica Frigo 2

★★★

Mostra Prezzo

Esa+Tecar Super Grip 9

★★★

Sava Eskimo S3+

★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Snowtrac 5

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato Winter

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici INVERNALI 2018 secondo i TEST Gomme del TCS

Per la Corea saranno utilizzati gli pneumatici P Zero White medium e i P Zero Red supersoft, combinazione che risponde al meglio alle caratteristiche del circuito: superficie che tende ad essere scivolosa, presenza di numerose curve e aree di forte frenata.

Gli pneumatici medium sono i più versatili e si adattono bene alle diverse situazioni, mentre i supersoft assicurano livelli alti di trazione su una superficie scivolosa.

Gomme Pirelli F1

Per il circuito di Suzuka in Giappone sono stati scelti i P Zero Orange hard e i P Zero White medium. Entrambe le soluzioni sono state progettate per assorbire l’alta energia che richiedono le curve veloci come la 130R e la Spoon, che caratterizzano il famoso tracciato giapponese.

Per l’India sono stati selezionati i P Zero White medium e P Zero Yellow soft. Questa combinazione offre il miglior compromesso tra prestazioni e durata su un circuito come il Buddh, noto per i suoi cambi di quota e le curve tecnicamente impegnative.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.