OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 secondo i TEST Gomme del TCS

Modello

Valutazione TCS

Prezzo Amazon

Bridgestone Turanza T005

★★★★

Mostra Prezzo

Vredestein Sportrac 5

★★★★

Mostra Prezzo

Michelin Crossclimate +

★★★

Mostra Prezzo

Goodyear Efficient Grip Performance

★★★

Mostra Prezzo

Firestone Roadhawk

★★★

Mostra Prezzo

Kumho Ecowing ES01

★★★

Mostra Prezzo

Maxxis Mecotra 3

★★★

Mostra Prezzo

Toyo Proxes CF2

★★★

Mostra Prezzo

Continental Premium Contact 5

★★★

Mostra Prezzo

Falken Ziex ZE310 Ecorun

★★★

Mostra Prezzo

Semperit Comfort-Life 2

★★★

Mostra Prezzo

Giti GitiSynergy E1

★★★

Petlas Imperium PT515

★★★

Mostra Prezzo

Hankook Kinergy Eco 2

★★★

Mostra Prezzo

Pirelli Cinturato P1 Verde

★★★

Mostra Prezzo

Linglong Green-Max HP010

★★★

Mostra Prezzo

OFFERTE AMAZON: I Migliori Pneumatici ESTIVI 2019 - TEST Gomme del TCS

Pirelli si presenta allo start della stagione 2013 di Formula Uno con la gamma dei P Zero da asciutto e dei Cinturato da bagnato completamente rivoluzionata, in accordo con i Team e in sintonia con le regole FIA. L’evoluzione delle gomme Pirelli da F1, progettate per la stagione che sta per aprirsi, riguarda tutti gli aspetti costruttivi: le mescole, che diventano più morbide, la corona, che è stata rinforzata e le strutture, che sono meno rigide. Obiettivo di tali innovazioni, tra loro integrate, è un aumento delle prestazioni e un maggior degrado termico, al fine di avere almeno due soste per gara e accrescere le opportunità di sorpasso e le soluzioni strategiche a disposizione delle Squadre. Cambia anche l’aspetto dei fianchi, con colori più immediatamente riconoscibili e una novità assoluta: l’arancione, che sostituisce l’argento dello scorso anno per caratterizzare la mescola slick più dura (hard).

pirelli-motorsport-2013-60

LE NOVITÀ DEL 2013 PUNTO PER PUNTO – Per la stagione 2013 Pirelli rinnova completamente il proprio range di pneumatici Formula 1 che, nel rispetto delle regole imposte dagli organi di governo del Campionato, presentano nuove strutture e nuove mescole.

Un nuovo colore – La novità più evidente è il colore arancione per contraddistinguere la più dura delle mescole, la P Zero hard, caratterizzata lo scorso anno dalla banda argento. Il cambiamento cromatico consente una più immediata distinzione della mescola dura da quella media, P Zero White, contraddistinta dalla banda bianca.

Nuove mescole – Tutte le mescole diventano più morbide. La conseguenza è un aumento delle prestazioni e un degrado volutamente più spinto, in modo da assicurare almeno due cambi gomma per gara.

Nuove strutture – Le strutture si contraddistinguono per una diversa filosofia di progettazione e l’impiego di nuovi materiali, con l’obiettivo di aumentare l’area di impronta dello pneumatico e quindi le prestazioni, soprattutto quando è richiesta trazione in curva. Inoltre, una più uniforme distribuzione del calore su tutta la superficie dello pneumatico evita la formazione di bolle causata dalla concentrazione delle temperature più elevate in porzioni limitate della gomma.

Gamma di utilizzo più ampia – Effetto principale della combinazione tra mescole e strutture più morbide e fianchi più rigidi è la maggiore velocità dell’entrata in temperatura delle gomme e una aumentata adattabilità a un numero più ampio di configurazioni. Ciò facilita il lavoro dei Team nella comprensione e nel migliore sfruttamento dell’interazione gomma-vettura.

Divario di rendimento tra le mescole – Il divario prestazionale tra le varie mescole si allarga e arriva a mezzo secondo al giro, il che rende più determinanti le strategie di gara. Lo scorso anno il divario di rendimento tra le diverse soluzioni è stato spesso inferiore ai cinque decimi.

Più guidabilità sul bagnato – Cambiano anche le soluzioni da bagnato. La struttura dei posteriori dei Cinturato Blue e Green è stata riprogettata per garantire una trazione più progressiva e un warm-up ottimale in condizioni di bagnato al fine di ridurre il rischio di sovrasterzo e rendere la guida della monoposto più facile.

Aumento di peso – La nuova costruzione ha aumentato leggermente il peso di tutti gli pneumatici Pirelli, senza però influire sulle prestazioni delle vetture. In media, ogni anteriore pesa circa 200 grammi in più rispetto allo scorso anno, mentre per ciascuna posteriore si aggiungono 700 grammi. L’aumento è pari a circa due chili per set di gomme. Secondo i regolamenti 2013, tale cambiamento di peso va compensato con un adeguamento del carico minimo delle vetture.

Maggiori occasioni di sorpasso – Il maggior degrado termico comporta una significativa differenza in termini di velocità tra le vetture nelle diverse fasi di gara, facilitando i sorpassi e aumentando l’importanza delle strategie.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.