Autore | Profilo Google+ / In Pneumatici Online

Tecnica Formula 1: Cosa è l’effetto Coanda e come influsice sugli scarichi F1 2012

Scoperto più di cent’anni fa da un ingegnere, l’effetto Coanda (fenomeno per cui un getto di fluido tende ad essere attirato da una superfice solida ) viene ripreso nel 2012 per la progettazione degli scarichi. La storia insegna !!

Sono un ingegnere dell’autoveicolo, ho 24 anni, sono giovane, ma mi piace guardare ogni tanto dietro di me, chi c’è stato e cosa ha fatto. Henri Coanda; questo nome non vi forse non vi susciterà niente, ma grazie alla sua scoperta molti progettisti hanno cercato di ovviare e trovare soluzioni nuove al problema della deportanza utilizzando ricorsi e ricorsi storici. Sono passanti 100 anni da quando questo ingegnere romeno scopri per caso questo fenomeno. Stava costruendo un aereoplano davvero innovativo per l’epoca, che al posto dell’elica aveva un compressore conico. Avrebbe anche volato, ma le fiamme degli scarichi del motore rischiavano di bruciare tutto, perche lambivano la fusoliera invece di sfuggire all’esterno.

Era quello che è diventato noto con nome “Effetto Coanda”: quello per cui un getto di fluido tende ad essere attirato da una superfice solida.

Per dirla in parole povere, tutti noi da piccoli abbiamo mai provato a mettere un cucchiaio verticale vicino ad un rubinetto aperto: il filo dell’acqua tende ad avvicinarsi al cucchiaio, sfiorandolo.

È su questo principio che si basano gli scarichi delle formula 1 del 2012. Nonostante l’abolizione dei diffusori soffiati, i tecnici cercano in tutte le maniere di ritrovare un po’ di carico perduto al retrotreno. La Ferrari ha terminali di scarico all’estremità superiore delle fiancate,la McLaren usa un pozzetto verticale,la Red Bull come tanti altre ha rispettato ingombri ed inclinazioni,ma più al centro. Si cerca di sfruttare la superfice della carrozzeria tramite l’effetto Coanda, per incanalare il flusso verso l’ala posteriore o verso il diffusore.

Anche per questo tante superfici sono rivestite di Pyrosic, materiale inventato in Francia che riesce a resistere a temperature elevatissime. A Jerez, Charlie Whiting c’era; la lettera del regolamento è stata rispettata. Grazie Henri, il tuo principio è tornato di moda.

Articoli Che Ti Possono Interessare
Formula 1 2012: le Gomme al Gran Premio del Canada Le due soluzioni più morbide della gamma F1 Pirelli – il P Zero Red Supersoft e il P Zero Yellow so...
Formula 1 2012: Pole Position per la McLaren di Ha... McLaren e Lewis Hamilton in pole position del Grand Premio d’Australia con un tempo di 1m24.922s sta...
Formula 1 Hockenheim: Video Intervista a Paul Hemb... Il Direttore Motorsport di Pirelli, Paul Hembery, ha commentato: “Dopo la gara di Silverstone sotto ...
Formula 1 2012 Schumacher: “a 43 anni sono a... Sono ancora in grado di correre in F1 ed essere competitivo; rispetto a quando avevo 30 anni? Non so...
Audi A6: Report Completo su Dotazioni, Tecnica, Eq... Osservatorio Tecnico di Gomme Blog: Analizziamo in dettaglio la nuova Audi A6: tutte le caratteristi...
Suzuki GSX-R 1000 2012: Le Prestazioni e la Tecnic... Nuova Suzuki GSX-R1000 2012: analizziamo motore, ciclistica, meccanica e caratteristiche dinamiche d...
Kimi Raikkonen: “l’ala mobile per me è ridicola”... “Il modo in cui lavora il DRS per me è un po’ ridicolo”. Così commenta Kimi Raikkonen circa l’utilit...
Formula 1: il Gran premio del Belgio dal punto di ... Formula 1 GP Belgio 2012 - Dopo la pausa estiva, Pirelli è pronta a tornare in pista con gli pneumat...
 

Tags: , , ,

 

ULTIMI ARTICOLI IN Pneumatici Online

 
 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

 
 
 
 
 
 
 
');